A Chieti la presentazione di "Portami dove sei nata" di Roberta Scorranese

Venerdì 29 novembre, alle ore 17.45, nella sala Manzini del liceo classico-convitto “G. B. Vico”, sarà presentato il libro “Portami dove sei nata” di Roberta Scorranese. L'evento è promossa dall’associazione “Noi del G.B.Vico”, dall’associazione “Amici della Biblioteca de’ Meis”, dal convitto nazionale “G.B. Vico” Chieti, dall’associazione “Libridine”.

Il libro è il primo romanzo della giornalista Roberta Scorranese, che lavora al Corriere della Sera, dove si occupa di temi culturali, prevalentemente legati all’arte e all’attualità. La Scorranese, nata a Valle San Giovanni, a 6 chilometri da Teramo, vive da molti anni a Milano.

“Portami dove sei nata” è l’invito che le viene rivolto dal suo compagno, quando lei parla del suo paese. Come ad altri scrittori che l’hanno preceduta, la distanza consente alla scrittrice un nuovo coinvolgimento nelle cose della sua terra: Roberta racconta la gente di lì, che lei osserva dall’angolazione della nostalgia, ma anche dalla prospettiva dei miracoli. Di qua la saga della famiglia inserita nella vita di Valle San Giovanni, tra gli anni ’40 e gli anni ’70 e, dall’altra, le indagini sulle sorti dell’Abruzzo di oggi sfidato, messo alla prova dal terremoto e svilito da un presente che non sempre pare appartenergli, eppure capace di una originale resilienza.

Dialogherà con l’autrice Roberta Scorranese la professoressa Tonita Di Nisio. La serata sarà animata dalle letture curate da Maria Cristina Stumpo e dalle musiche eseguite al pianoforte dal maestro Carlo Tatasciore.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Promozioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Sangiò legge" si sposta sul web: in diretta Facebook la rassegna letteraria di San Giovanni Teatino

    • Gratis
    • dal 5 novembre 2020 al 22 aprile 2021
  • Nelle parrocchie di San Salvo c'è la "Family week"

    • dal 14 al 21 marzo 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ChietiToday è in caricamento