Tradizione, solidarietà ed eccellenze del territorio: Treglio si prepara per la festa di Borgo Rurale

Torna la due giorni dedicata a vino novello, castagne e olio nuovo, che regala un viaggio nel tempo tra sapori ed atmosfere di una volta

Compie 22 anni il Borgo Rurale, la festa di vino novello, castagne e olio nuovo che animerà sabato 9 e domenica 10 novembre tutto il borgo di Treglio. Stamani, nella sede della Pro Loco, è stata presentata l'edizione 2019, con tante conferme e qualche novità. "Non una semplice sagra - hanno specificato il presidente Francesco Conserva e il sindaco Massimiliano Berghella - ma una manifestazione che mira a promuovere il territorio e i prodotti locali, dando spazio anche alla solidarietà".

In programma, come di consueto, degustazioni di vino e gustosi piatti della tradizione, musica dal vivo, divertimento, ricostruzioni storiche curate nei dettagli e allestimenti che catapultano nell'atmosfera contadina di una volta. Ogni dettaglio è curato dai volontari della Pro Loco, le pietanze sono preparate dalle sapienti mani delle signore del posto e un esercito di 300 persone è coinvolto, sin dalla fine dell'estate, nella preparazione di un evento che richiama qualche migliaio di persone. Basti pensare che, pronti per il fine settimana, ci sono già 7 quintali di pancetta, 5 di salsicce, 2 quintali e mezzo di cif e ciaf, 15 quintali di castagne, tutte materie prime fornite da aziende del territorio. 

A partire dalle 18.30, ora di apertura degli stand, ci sarà la possibilità di assaporare otto etichette di otto diverse cantine in 10 postazioni e, negli stand lungo il borgo, di gustare 24 diverse pietanze: baccalà con verdure pastellate, pancetta alla brace, arrosticini, pizz'e foje, frittata con salsiccia e peperoni, pallotte cace e ove, sagnette ceci e pancetta, pizza scima, crispelle, cif e ciaf, castagne e ceci, "maccarune alla trappetare", baccalà e peperoni arrosto, pizza fritta con mortadella, salsicce alla spada, cotiche e fagioli, pasta con zucca gialla e pancetta, pizzelle. Tutto sarà preparato al momento secondo le ricette della tradizione. In più, ci sarà una postazione gluten free, per consentire anche ai visitatori celiaci di godere della festa senza alcun rischio. Dopo aver assaporato le delizie proposte da Borgo rurale, largo a vin brulé bianco e rosso e vino cotto, con i dolci della tradizione. 

Ogni angolo del paese e ogni cantina saranno allestiti con cura, per donare ai visitatori un viaggio dal sapore antico. Nel corso delle due serate, il divertimento sarà garantito da 13 gruppi musicali, due dei quali itineranti, e dalla classica "ruota della fortuna" in piazza. Per i piccoli, ci sarà il baby park all'ingresso del paese. 

In più, quest'anno, Borgo rurale si apre anche alla solidarietà: nei due giorni di festa, sarà presente un banchetto dell'associazione Amatrice siamo noi, dove verranno venduti i prodotti tipici della località laziale distrutta dal terremoto del 2016, il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza. Anche gustare la pizza scima contribuirà a fare del bene: la Pro loco ha deciso di destinare gli incassi della vendita di questo piatto della tradizione alle adozioni a distanza. 

Il prezzo della sacca con 5 degustazioni da effettuare in cantine a scelta è di 6 euro, mentre le varie pietanze hanno un costo variabile fra i 3 e i 5 euro, a eccezione del baccalà, che costa invece 7 euro. 

La Pro Loco ha studiato un piano di sicurezza dettagliatissimo, coinvolgendo circa 15 forze di polizia per la viabilità. Inoltre, ci saranno 35 vigilanti di un istituto privato che si aggireranno nel borgo e nei punti di partenza e arrivo del bus navetta per sorvegliare che tutto vada per il meglio e tutti si divertano senza problemi. Per garantire la sicurezza dei visitatori, sono state inoltre disposte tre postazioni mediche, con attrezzature all'avanguardia, nei tre ingressi del paese. 

Per arrivare a Borgo rurale evitando ingorghi o, peggio, rischiare la patente, faranno la spola da Lanciano 10 bus navetta al giorno, dalle ore 17 alle 2 nella serata di sabato e fino all'1 domenica. Gli autobus dell'azienda Di Fonzo partiranno dalla Pietrosa, dal Palamasciangelo e dal Polycenter. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un'intera famiglia contagiata a Lanciano: hanno partecipato al funerale a Campobasso

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

Torna su
ChietiToday è in caricamento