“Ricomunicare il guerriero di Capestrano” a Palazzo de' Mayo

A 80 anni dal rinvenimento del Guerriero di Capestrano, prendendo le mosse dallo studio del carteggio inedito conservato nell’Archivio Storico della Soprintendenza Archeologia dell’Abruzzo, la Fondazione Carichieti ospita, nello Spazio Esposizioni Temporanee di Palazzo de’ Mayo, “80 anni dopo – ricomunicare il guerriero di Capestrano”, una mostra che non si limita a raccontare attraverso i documenti il famoso Guerriero di Capestrano (VI sec. a. C.) ma che intende appunto ‘Ri-Comunicare’, in maniera innovativa e dinamica, la storia di questa scultura.

La preziosità del reperto viene rilanciata con una comunicazione moderna e attuale affidata ai nuovi linguaggi espressivi della contemporaneità in linea con il nuovo concetto di museo che da luogo di “conservazione” si trasforma in luogo di “narrazione”. Insomma un modo di ricentrare l’attenzione del pubblico sul Guerriero che, sin dal suo ritrovamento, si è contraddistinto, per la sua misteriosità e maestosità, come emblema dell’identità regionale.

Le tappe salienti della storia della scultura, dal rinvenimento casuale nel 1934 durante lavori di scasso in una vigna, al suo spostamento a Roma e al successivo rientro in Abruzzo per opera dell’allora Soprintendente Valerio Cianfarani, sono narrate con l’ausilio di linguaggi espressivi moderni e contemporanei accessibili a tutti i tipi di pubblico, soprattutto ai giovani. Giovedì 2 luglio alle ore 18 si terrà la conferenza di inaugurazione presso l’Auditorium della Fondazione Carichieti.

Ai saluti del sindaco di Chieti Umberto Di Primio, del Presidente della Fondazione Carichieti Pasquale Di Frischia, del Soprintendente ad interim della Soprintendenza Archeologia dell’Abruzzo Andrea Pessina, del Direttore del Polo Museale Lucia Arbace, del Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini e del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, seguiranno gli interventi di Maria Ruggeri (Direttore Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo – Villa Frigerj), Loredana D’Emilio (Servizi Educativi Soprintendenza Archeologia dell’Abruzzo), Giancarlo Zappacosta (Direttore Dipartimento Trasporti, Mobilità, Turismo e Cultura Regione Abruzzo) e Francesco Tentarelli (Soprintendente Beni Librari e Biblioteche Regione Abruzzo).

Durante la conferenza verrà proiettato il video “La dama e il guerriero Destini incrociati”, di Davide Di Nardo e verrà realizzato un intermezzo scenico a cura del Teatro del Paradosso, con Fausto Roncone e Giacomo Vallozza. Al termine della conferenza sarà possibile visitare la mostra. L’esposizione, a ingresso libero, resterà aperta fino a domenica 13 settembre.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Prosegue "La virtuale": la mostra fotografica interattiva che si può visitare 24 ore su 24

    • Gratis
    • dal 1 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021

I più visti

  • "Sangiò legge" si sposta sul web: in diretta Facebook la rassegna letteraria di San Giovanni Teatino

    • Gratis
    • dal 5 novembre 2020 al 22 aprile 2021
  • Prosegue "La virtuale": la mostra fotografica interattiva che si può visitare 24 ore su 24

    • Gratis
    • dal 1 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
  • Eventi per bambini e ragazzi per il Giorno della memoria e altre ricorrenze

    • dal 25 al 28 febbraio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ChietiToday è in caricamento