Eventi

Giornate Fai di primavera: l'elenco dei luoghi aperti a Chieti e Provincia

Ecco tutti i luoghi della provincia di Chieti solitamente chiusi che il 23 e 24 marzo verranno aperti eccezionalmente al pubblico

CHIETI
MUSEO UNIVERSITARIO

Piazza Trento e Trieste, 66100, Chieti, CH

Orario: Sabato 23, ore 16.00 – 19.30; Domenica 24, ore 10.00 – 13.00 / 16.00 – 19.30

La mole dell'ex-Enal significativo esempio di architettura fascista nasce negli anni 30, su progetto dell'architetto Camillo Guerra, come Opera Nazionale del Dopolavoro. L'edificio oggi ospita il Museo di Scienze Biomediche ed è stato una delle sedi occupate dal comando tedesco installatosi a Chieti dal '43 al '44. Presso l'auditorium del Museo, che un tempo fungeva da cinema-teatro, verrà proiettato il documentario RAI "Chieti città aperta" di Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni.


OSPEDALE MILITARE

c/o Villa Comunale

Orario: Sabato 23, ore 9.00 – 13.00

Visite guidate anche in lingua straniera a cura dei Ciceroni in lingua. Apprendisti Ciceroni®: Liceo Classico "G.B. Vico"; I.T.C.G. "Ferdinando Galiani"; I.S.A. "Nicola da Guardiagrele". Eventi collaterali: Sabato 23, ore 16.00 presso la sala conferenze del Museo Universitario, proiezione del documentario "Chieti Città Aperta" realizzato dai registi Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni; A seguire, conferenza: "Presenza e ruolo dei martiri partigiani della Brigata Maiella durante l'occupazione tedesca".

L'edificio costruito nel 1420 è situato nella splendida cornice della Villa Comunale, venne adibito ad Ospedale militare dopo una legge del 1866 nella quale si decretava il passaggio di proprietà dei conventi ed istituti religiosi al Demanio dello Stato. Le strutture furono concesse all'esercito, e trasformate in ospedali militari e caserme. Per anni l'Ospedale è stato il punto di riferimento per la medicina legale nell'Adriatico ma recentemente ne è stata decisa la chiusura.

LANCIANO
MUSEO CIVICO DI ARCHEOLOGIA URBANA E DEI COMMERCI ANTICHI IN ABRUZZO

Via Santo Spirito, 77 , 66034, Lanciano, CH

Orario: Sabato 23 e Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 / 16.00 – 19.00

Il Civico Museo acquisito dal Comune di Lanciano è collocato all'interno del complesso dell'ex Monastero di Santo Spirito. Il periodo più intenso per il monastero, fu quello compreso tra il XIV e il XV secolo ma nel tempo si verificò un graduale abbandono fino alla soppressione. Dal 1789 al 1911 il Complesso fu dato in affitto e fino agli anni '50 è stato adibito a opificio per la fabbrica di mattonelle in graniglia e manufatti in cemento.

SAN VITO CHIETINO
LA VILLA DI MURATA BASSA

San Vito Marina, 66038, San Vito Chietino, CH

Orario: Sabato 23 e Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 / 16.00 – 19.00

Una campagna di scavo condotta in un piccolo insediamento nei pressi della spiaggia nella prima metà degli anni '90, ha restituito alcuni reperti del I secolo a. C. tra i quali, avanzi di produzione di lucerne e i resti di una fornace. Alcune inumazioni datata al III secolo d. C. fa ritenere che, a quella data il complesso fosse decaduto e pertanto venisse utilizzato come sito sepolcrale. I reperti recuperati sono esposti presso il Polo Museale di Lanciano e presso il Comune di San Vito Chietino.


L'EREMO DANNUNZIANO

Contrada Portelle, 117, 66038, San Vito Chietino, CH

Orario: Sabato 23 e Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 / 16.00 – 19.00

Il cosiddetto "Eremo dannunziano", deve il suo nome al soggiorno che il poeta Gabriele D'Annunzio vi trascorse, insieme a Barbara Leoni, nell'estate del 1899. Durante questo soggiorno D'Annunzio scrisse Il trionfo della morte, celebre narrazione autobiografica del suo amore per la donna, dal primo incontro fino ai due mesi trascorsi con lei nell'eremo, accuratamente descritto in molti passi dell'opera. Dal 2009 l'eremo ospita la tomba di Barbara Leoni.

VASTO
CHIESETTA DI SANTA MARIA DELLA PENNA

Porto di Vasto , 66054, Vasto, CH

Orario: Sabato 23, ore 9.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00; Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 | 15.00 – 18.00

Descrizione: Dedicata a Santa Maria di Pennaluce nel XVI secolo, venne ricostruita in stile neoromanico nel 1887, ai piedi del Faro ed è avvolta nel fascino di misteriose leggende una delle quali narra il rinvenimento della statua della Madonna nel medesimo luogo in cui era stata trafugata dai pirati mentre la loro nave colava a picco nel mare antistante. Sorge ai piedi del Faro di Punta Penna sul sito che in età preromana ospitò un importante santuario frentano.

COMPRENSORIO PAESAGGISTICO – ARCHEOLOGICO PUNTA PENNA – PUNTA ADERCI

 Zona Porto, 66054, Vasto, CH

Orario: Sabato 23, ore 9.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00; Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00

Descrizione: Per la sua posizione strategica, è stato costantemente nei secoli sede di numerosi insediamenti risalenti sin dal XII-X secolo, di cui restano preziose testimonianze, oggi custodite nel Museo Archeologico Palazzo d'Avalos. Il Comprensorio ospita la prima Riserva Naturale Regionale della costa abruzzese che preserva importanti biodiversità per la tutela.

FARO DI PUNTA PENNA

Porto di Vasto , 66054, Vasto, CH

Orario: Sabato 23, ore 9.00 – 10.30 / 15.00 – 16.30

 Prenotazione consigliata: tel. 327 8764598 – e-mail delegazionefaivasto@libero.it. Per ogni visita saranno ammesse solo le prime 50 persone prenotate. Ingresso riservato a 25 Iscritti FAI per i turni di visita delle ore: 9.00 / 10.30 / 16.30

 Inaugurato nel 1912, è stato realizzato, nell'omonimo promontorio di Punta Penna, su disegno di Olindo Torcione del 1982. Con i suoi 70 mt. e mt. 84 s.l.m., ha compiuto 100 anni nel 2012 ed è il Faro più alto d'Italia dopo la Lanterna di Genova. Ritenuto 'obiettivo militare rilevante' per la sua posizione strategica ed unico sull'intera costa adriatica tra Ancona e Bari, nel 1943 venne distrutto dall'esercito tedesco in ritirata e solo dopo la sua ricostruzione fu di nuovo inaugurato nel 1948.

SPIAGGE, DUNE E FALESIE SULLA COSTA ABRUZZESE DEI TRABOCCHI

Zona Porto, 66054, Vasto, CH

Orario: Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00

Istituita nel 1998, è la prima area protetta nata sulla costa d'Abruzzo, copre una superficie di circa 400 ettari e si estende dal Porto di Vasto fino alla foce del fiume Sinello. La falesia che caratterizza il paesaggio si affaccia sull'Adriatico con dirupi alti anche decine di metri o con pendenze relativamente dolci , con vegetazione e fauna tipicamente dunali. Nella Riserva si alternano spiagge di sabbia e sassi, campagne coltivate e valloni con fitta boscaglia.


TORRE DI VEDETTA CINQUECENTESCA

Porto di Vasto , 66054, Vasto, CH

Orario: Sabato 23, ore 9.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00; Domenica 24, ore 10.00 – 12.30 | 15.00 – 18.00

Proiezioni e filmati a cura dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Vasto e visita Ufficio Circondariale Marittimo.

Testimonia l'importante posizione di vigilanza e difesa dell'insenatura che ospita il Porto di Vasto, è una tipica costruzione del vice regno realizzata tra il 1563 e il 1568 per porre un freno alle scorrerie dei turchi che già avevano distrutto l'intera Città in quegli anni. Si presenta a forma tronco piramidale e pianta quadrata e originariamente la copertura del primo piano era a botte, mentre quella del piano superiore a capanna. Fu anche sede doganale nel 1800.
Torna su

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornate Fai di primavera: l'elenco dei luoghi aperti a Chieti e Provincia

ChietiToday è in caricamento