A Colledimezzo conferenza del critico d'arte Paolo Cova su "Tanzio da Varallo: un pittore del seicento in viaggio tra le Alpi e la Majella"

La conferenza di Paolo Cova, che sarà introdotta dalla giornalista Giovanna Di Lello, originaria di Colledimezzo e direttrice responsabile della rivista locale TNZ', è organizzata dalla redazione di TNZ (Tnèmmz’Ngundatt. La voce dei colledimezzesi), in collaborazione con il Comune di Colledimezzo, l'Ass.ne Pro Loco di Colledimezzo e l’Ass.ne Culturale Atessa XXI secolo.

L’evento rientra in un percorso di promozione dei beni culturali del paese che la rivista TNZ' sta portando avanti già da qualche anno e che ha tra i suoi obiettivi quello di ricollocare nella chiesa parrocchiale di Colledimezzo il bellissimo quadro dell’artista piemontese, la “Madonna col Bambino, San Francesco D’Assisi e il Committente”, oggi custodito dall’Arcidiocesi di Vasto-Chieti, dopo il suo restauro avvenuto nel 1995.

Riavere il quadro di Tanzio da Varallo a Colledimezzo significherebbe, non solo riappropriarsi di un pezzo della propria storia, ma anche porre il piccolo borgo abruzzese in una posizione di rilievo all’interno di un sistema di valorizzazione culturale del territorio nazionale.

L’olio su tela, rinvenuto a Colledimezzo, a fine anni Settanta, in un magazzino della chiesa parrocchiale di San Giovanni Apostolo ed Evangelista, è stato realizzato dall’artista tra il 1611 e 1613, per essere collocato in una delle tre cappelle della chiesa, quella dedicata a San Francesco, che venne eliminata con i lavori di ricostruzione dell’edificio a metà Settecento.
Il giovane artista piemontese era approdato a Roma nel 1600 per ricevere l'indulgenza in occasione del Giubileo e rimase folgorato dall’opera del Caravaggio, da cui apprese la lezione di realismo e l’uso di contrasti decisi di luce e ombre. Visse per circa quindici anni prima nella città eterna e poi a Napoli e in Abruzzo, dove realizzò le sue opere giovanili più importanti: oltre alla nostra “Madonna col Bambino, S. Francesco d’Assisi e il committente”, ci sono anche la “Circoncisione di Gesù con i santi Carlo Borromeo e Francesco d'Assisi” della chiesa parrocchiale di Fara San Martino (1610-1611) e la “Madonna di Costantinopoli con i santi Bernardino da Siena, Francesco d'Assisi, Chiara, Margherita e la donatrice Pompa de Matteis d'Amata” della collegiata della Basilica di Santa Maria in Colle di Pescocostanzo (1614).

Seguirà un aperitivo a cura di Pazzarìe di Lanciano e della Cantina Sincarpa Vini Torrevecchia Teatina.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra di abiti e tessuti abruzzesi a palazzo Valignani

    • dal 15 giugno al 30 settembre 2020
    • Palazzo Valignani
  • Arriva a Chieti il circo Maya Orfei e Madagascar

    • dal 18 al 27 settembre 2020
  • Cinquant'anni di rugby a Chieti: tra polvere, fango e amicizia

    • Gratis
    • 27 settembre 2020
    • club house del campo da rugby di Chieti
  • "Senza confini. Donne da oriente a occidente", nuova mostra al de' Mayo

    • dal 11 settembre al 22 novembre 2020
    • Palazzo de' Mayo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ChietiToday è in caricamento