Aula studio, libri per ragazzi e abruzzesistica: inaugura a Treglio la biblioteca comunale

Al momento ci sono duemila volumi. La biblioteca sarà anche aula studio aperta a tutti. All'interno un'ampia sezione dedicata ai ragazzi in età scolare, alla narrativa italiana, alla storia locale

la biblioteca di Treglio

Circa duemila volumi già presenti e tanti altri in arrivo per via delle donazioni. Sarà inaugurata il prossimo 6 aprile, alle 10, la biblioteca comunale di Treglio, voluta dal sindaco Massimiliano Berghella. Ospitata nei locali a pianoterra del palazzo comunale, in largo Arcivescovile 1, sarà ntitolata a Mario Bellisario, che è stato dirigente del Servizio scolastico Italiano all’Estero, giornalista pubblicista ed amministratore di Treglio.

“La cerimonia – dice l'assessore alla Cultura, Orlando Bellisario - costituirà anche una importante occasione per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla riapertura di questo luogo e vedrà la partecipazione del figlio di Mario Bellisario, il professor Francesco Bellisario, dell’intero Consiglio comunale e degli alunni della scuola primaria di Treglio”.

Sono stati invitati anche i sindaci dei Comuni vicini, le dirigenti scolastiche dell’Istituto comprensivo di San Vito Chietino (cui appartengono le scuole di Treglio) e la dirigente dell’Istituto di istruzione Superiore “De Titta – Fermi”, in quanto Mario Bellisario, nel 1940, conseguì il diploma magistrale presso questo istituto, appena costituito quale sezione staccata della Scuola Magistrale statale di Fossombrone.

“Si tratta – spiega il sindaco Berghella – di un altro importante obiettivo raggiunto in ambito culturale, cui questa amministrazione ha puntato sin dal suo insediamento. Immane, infatti, il lavoro svolto: basti pensare alla valorizzazione degli affreschi e alla riscoperta e divulgazione della tecnica dell'affresco. La biblioteca – aggiunge – sarà anche aula studio, aperta a tutti. C'è un'ampia sezione dedicata ai ragazzi in età scolare. Ma spazio anche alla narrativa italiana e all'abruzzesistica. C'è un settore sulla storia locale, con due specificità: la pittura, considerato che siamo il paese dell'affresco e gli studi sulla civiltà contadina, dato che siamo... “borgo rurale”. Naturalmente l'impegno resta di incrementare, il più possibile, il patrimonio librario”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

Torna su
ChietiToday è in caricamento