Torna il Chieti Film Festival "Scrittura e Immagine" dal 7 all'11 novembre al Supercinema

E' giunto alla 21esima edizione il Chieti Film Festival, l'appuntamento cinematografico più atteso dell'anno: tre anteprime nazionali, una panoramica sul cinema contemporaneo e le immancabili pellicole tratte da opere letterarie

Quando si apre il sipario del Supercinema di Chieti per più di un giorno consecutivo, vuol dire che sta per cominciare "Scrittura e Immagine". La 21esima edizione del Chieti Film Festival, partirà lunedì 7 novembre per concludersi venerdì 11, con la classica Cerimonia di Premiazione.

Tre proiezioni giornaliere più una mattutina dedicata agli studenti scandiranno la cinque giorni del Supercinema in via Spaventa, che con l'occasione riapre le sue porte per accogliere ogni sera centinaia di cinefili e non. L'evento è organizzato come ogni anno dalla Fondazione Edoardo Tiboni, presente ieri (3 novembre) assieme a Carichieti, Provincia e Comune, alla conferenza stampa di presentazione a Palazzo de' Mayo a Chieti.

Oltre a ribadire l'importanza di continuare a sostenere la cultura anche in tempi difficili come questi, "perchè un festival del genere ha alle spalle una lunga tradizione, anche se cominciammo ventuno anni fa quasi per gioco", il presidente della Fondazione omonima Edorardo Tiboni ha sottolineato come 'Scrittura e Immagine' ogni anno coinvolga tanti studenti: "E' importante questa partecipazione dei giovani, che non è mai venuta meno. Quest'anno ogni mattina ci saranno delle programmazioni gratuite per gli studenti. Nel corso del Festival ospiteremo tre anteprime nazionali, più vari personaggi che indubbiamente susciteranno l'attenzione del pubblico".

"I film in programma sono 14 - ha spiegato Martina Carongiu della Fondazione - provenienti da oltre dieci paesi. Il programma è breve ma nutrito"

Si parte lunedì 7 novembre alle 18 con "Jane Eyre", di Cary Fukunaga, uno dei film tratti da opere letterarie, che rappresentano la radice di un festival che si chiama appunto "Scrittura e Immagine". La sera, alle 20.15, ci sarà l'anteprima del nuovo film di Pupi Avati: "Il cuore grande delle ragazze", protagonisti Cesare Cremonini e Micaela Ramazzotti in versione anni '30. Il Maestro Pupi Avati tra l'altro, fu uno dei grandi ospiti al Supercinema nella serata conclusiva della scorsa edizione, memorabile fu la sua lezione di cinema alla platea.

Martedì alle 18 spazio agli emergenti con "Terraferma", di Emanuele Crialese, seguito da "La pelle che abito" di Pedro Almodòvar e dall'ultimo di Polanski: "Carnage", con Jodie Foster e Kate Winslet.

Mercoledì abbiamo "Ruggine", di Daniele Gaglianone e alle 20 "Contagion", di Steven Soderbergh, seguito dall'italiano "L’ultimo terrestre" di Gian Alfonso Pacinotti, liberamente tratto da un romanzo a fumetti.

Giovedì è il giorno di Sean Penn e della sua interpretazione in "This Must Be the Place" di Paolo Sorrentino, alle 20. Prima ci sarà la proiezione de "Il ventaglio segreto" di Wayne Wang, e poi, alle 22, "This is England" di Shane Meadows.

Gran finale venerdì 11 novembre con un omaggio a Monica Vitti, neo ottantenne da pochi giorni: al Supercinema alle 16 verrà proiettata la commedia di Mario Monicelli "La ragazza con la pistola": esordio dell'attrice romana in un ruolo comico. Sempre venerdì ci saranno le altre due anteprime nazionali: "Anche se è amore non si vede", primo film di Salvatore Ficarra e Valentino Picone girato a Torino anzichè in Sicilia, tra gli attori Ambra Angiolini; il duo incontrerà il pubblico a Chieti. Dopo la cerimonia di premiazione, condotta dalla giornalista Maria Rosaria La Morgia, seguirà in serata l'anteprima di "Midnight in Paris", di Woody Allen: il film sarà visibile in lingua originale coi sottotitoli in italiano.

"In Abruzzo purtroppo non riusciamo a sfruttare il cinema come risorsa economica - ha concluso il professor Giampiero Consoli, docente di storia del cinema all'Università "D'Annunzio" e figura di riferimento per 'Scrittura e Immagine' - eppure questa regione sembra vocata per fare film: ci sono paesaggi sorprendentemente belli, ambienti e strutture ricettive". E, accennando alla crisi, ha aggiunto: "Quando l'America rischiava di andare a picco si sfornarono le più belle commedie della storia del cinema".

Per adesso di anti-crisi abbiamo i prezzi del Chieti Film Festival: il biglietto intero giornaliero costa 4 euro, ( ridotto 3 euro, per studenti fino a 25 anni e soci del Flaiano Club), mentre l'abbonamento intero 12 euro e ridotto 10.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

  • Il teatro piange Maria Grazia Montante, regina della compagnia I Marrucini

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

Torna su
ChietiToday è in caricamento