Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cinema Centro Storico / Via Silvio e Beltrando Spaventa, 4

Chieti Film Festival, ultimo giorno: premi a Mazzantini, Ammaniti e Castellitto

Ultimo giorno della rassegna cinematografica "Scrittura e Immagine". Questa mattina i due scrittori saranno al Supercinema per un incontro con gli studenti. Attesa per Sergio Castellitto questa sera alla cerimonia di premiazione

Con la cerimonia di premiazione alle 20,30 si chiude stasera la 22esima edizione di "Scrittura e Immagine" Chieti Film Festival. Riceveranno i premi Margaret Mazzantini e Niccolò Ammaniti per la trascrizione cinematografica dei loro romanzi, "Venuto al mondo" di Sergio Castellitto e "Io e te" di Bernardo Bertolucci.

Premio per la regia a Sergio Castellitto, a Paolo Bianchini per l'impegno sociale e cinematografico con il suo "Il sole dentro", a Tea Falco e Jacopo Olmo Antinori, giovani protagonisti dell'ultimo film di Bertolucci "Io e te". La cerimonia sarà condotta da Maria Rosaria La Morgia, giornalista Rai.

Questa mattina invece, alle 11,45, incontro aperto agli studenti e al pubblico con Mazzantini e Ammaniti. Nello spazio dedicato alle scuole, grandi protagoniste di questa cinque giorni di cinema che ha affascinato e riconfermato l'affetto del pubblico teatino alla manfiestazione, nelle ultime mattinE l'associazione organizzatrice Flaiano ha proposto più film, un omaggio a Mario Monicelli e un incontro a 'tu per tu' con il regista Giuseppe Piccioni, lunedì in apertura.

Particolarmente graditi alcuni titoli della programmazione come "Un sapore di ruggine e ossa", "Il comandante e la cicogna", martedì, gli omaggi ai Beatles e ai Rolling Stones, "E' stato il figlio"; qualche dubbio hanno suscitato invece "Killer Joe", lunedì sera, e "Acciaio"; pubblico diviso invece su "Pietà", di Kim Ki-duk, che ieri ha chiuso la penultima giornata.

Oggi sulla kermesse che mette a confronto letteratura e cinema (la maggior parte dei film sono trasposizioni cinematografiche dell'ultima stagione di romanzi famosi) cala il sipario con una programmazione più snella ma pregiata.

Alle 17,30 ci sarà la proiezione di "Io e te" di Bernardo Bertolucci" e dopo le 21, in coda alla premiazione, "Venuto al mondo" di Sergio Castellitto.

All'ingresso del cinema ci sarà anche un banchetto per poter acquistare a un prezzo speciale i romanzi da cui sono tratte le due pellicole.

 

Qui le sinossi dei film per chi vuole saperne di più

"Io e te"

Il quattordicenne Lorenzo ha palesi difficoltà di rapporto con i coetanei tanto che si avvale dell'aiuto di uno psicologo. Un giorno coglie al volo un'occasione unica: finge di partire per la settimana bianca con la sua classe mentre invece si rifugia nella cantina di casa con una ben organizzata scorta di cibarie e le letture preferite. Non sa che di lì a poco proprio nel suo dorato rifugio irromperà Olivia, la sorellastra venticinquenne che non vede da lungo tempo. Olivia è tossicodipendente e sta tentando di ripulirsi. Nel frattempo soffre di crisi di astinenza e non fa nulla per lasciare tranquillo Lorenzo. Bernardo Bertolucci torna a fare cinema dopo una lunga assenza causata dalle conseguenze della malattia che lo ha costretto su una sedia a rotelle. Se il suo sguardo non può più avvalersi direttamente della posizione eretta il suo cinema sembra avvantaggiarsene. È come se il suo occhio interiore avesse deciso di mettersi al livello dei giovani soggetti presi in considerazione invece di guardarli dall'alto di una memoria troppo vincolata dalla forma come in The Dreamers. Grazie a un casting accurato, che gli ha permesso di scegliere due corpi e due volti che si imprimono immediatamente nella memoria dello spettatore, Bertolucci può tornare a uno dei suoi temi preferiti: quello dell'irruzione di un elemento esterno (sia esso storico o individuale) che mette in discussione uno status quo imponendo una revisione totale di ciò che si riteneva acquisito o l'esplosione di ciò che era stato accuratamente ricoperto da ipocrisie o autoconvincimenti.

 

"Venuto al mondo"

Gemma, dopo molti anni di assenza torna a Sarajevo, portando con sé il figlio Pietro. L'occasione è l'invito che le ha fatto Gojko, poeta estroverso e un tempo sua guida in Bosnia, per una mostra fotografica sulla guerra. Gemma proprio in Bosnia, prima dell'inizio del conflitto, aveva conosciuto Diego per il quale aveva mandato all'aria il proprio matrimonio. Da Diego però Gemma, per un suo difetto fisico, non aveva potuto avere figli. Ma il desiderio era così forte da spingerla ad accettare che il marito procreasse con un'altra donna disposta poi a cedere il neonato. Il quarto film come regista di Sergio Castellitto è così complesso sul piano della scrittura che potremmo definirlo un film matrioska. Perché racchiude, una dentro l'altra, storie diverse ma aderenti a un'unica forma di base. C'è una storia di scoperta di un mondo ignoto (Gemma con Gojko). C'è l'amore sostenuto da una passione travolgente (Gemma e Diego). C'è il dramma della sterilità. C'è una guerra che devasta le coscienze .... e potremmo continuare.

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti Film Festival, ultimo giorno: premi a Mazzantini, Ammaniti e Castellitto

ChietiToday è in caricamento