menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo Tocco

Paolo Tocco

Schiavi e abitudinari davanti alla tragedia: ecco “Arrivando alla riva”, il nuovo singolo di Paolo Tocco

"Gli sbarchi, i cadaveri, le onde a.. riva arrivavano pezzi di storia". La IRMA Records presenta il nuovo singolo del cantautore di Chieti Paolo Tocco. A novembre il disco

“Fermo ad allacciare le scarpe nuove da cerimonia, eleganti per gli sfarzi di una festa comandata come da abitudini e da calendari. Sulla mia testa la televisione mandava l’ennesimo servizio sulla tragedia che si consumava sulle nostre coste. Gli sbarchi, i cadaveri, le onde…a riva arrivavano pezzi di storia. Dalle mie scarpe nuove non si vede mica la morte! Dalle mie scarpe nuove sembra sempre tutto più facile. E mentre io avevo il problema di che camicia abbinare alle mie bellissime scarpe nuove, quelle persone avevano il problema di arrivare vivi alla riva. Ho scritto di getto e mi sono accorto di aver restituito poca speranza alle mie parole. Piuttosto ho trovato opportuno giudicare l’uomo che sono e che sto diventando” - Paolo Tocco.

Nasce da queste premesse l’istinto di scrivere un brano intimo e nascosto come “Arrivando alla riva” il nuovo singolo che anticipa il nuovo disco di Paolo Tocco in uscita a novembre 2017 per IRMA Records. La metafora gioca a contrapporre in modo crudo e diretto il benessere che ci ha reso schiavi e abitudinari alla tragedia a cui ormai sembriamo assuefatti. Un taglio classico in cui riversare ascolti e radici di grandi nomi come De Gregori, Testa, Fossati e quel piglio strumentale di poco conto, povero di organze e profondamente verace.

Il suono è stato catturato e confezionato da Giacomo Pasquali in un’esecuzione dal vivo presso gli studi TouchClay di Popoli (Pe). Non è stato introdotto alcun editing ne alcun accorgimento per patinare il risultato finale. A differenza delle precedenti pubblicazioni, gran parte del nuovo disco avrà questa filosofia: esecuzioni all’impronta, improvvisazioni nella scrittura degli arrangiamenti, istinto come naturale espressione di quel preciso momento.

Nel video realizzato in collaborazione con Alberto Di Muzio si è voluto sottolineare questa melodia, armonica e cadenzata, proprio con le onde di un mare alla riva. Lo sbarco dei profughi, la vita e la speranza inghiottite a largo sono rappresentate e restituite a chi vive “da questa parte del mare” (cit.) dagli gli oggetti che arrivano…poveri e malridotti, casuali, unici superstiti a cui si affida il compito di raccontarne la storia. Un unico piano sequenza che immortala il perpetuo moto delle onde e dei simboli. Alcuni degli oggetti che appaiono nel video sono realmente presi da una ammasso di rifiuti trovati quel giorno alla riva. Di tutte le clip girate è stata scelta questa in cui, sempre per caso, risulta drammaticamente efficace la simbologia di una bambola arenata sulla battigia e il gommone reso a brandelli che chiude il brano e restituisce il senso a tutte le sue parole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento