rotate-mobile
Economia

Vino, dal Ministero via libera alla menzione “Superiore” per le Dop d’Abruzzo

Un nuovo modello per la promozione del settore vitivinicolo regionale

Via libera dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali alla menzione “Superiore” per le Dop d’Abruzzo e ridotto il numero delle Igt: passeranno da 8 a 1: di fatto un nuovo modello per la promozione del settore vitivinicolo regionale. A darne notizia è il vicepresidente della Regione con delega all’agricoltura Emanuele Imprudente, commentando l'accoglimento, da parte del Comitato nazionale vini, della proposta fatta nel 2019 dai produttori del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo

"Obiettivo del nuovo modello è di rafforzare la comune identità dell’enologia regionale, valorizzando i singoli territori e rendendo più riconoscibile la scala dei valori. È un grande risultato per il sistema vitivinicolo regionaleche va a ridefinire i disciplinari di produzione grazie al cosiddetto modello Abruzzo – ha spiegato il vicepresidente Emanuele Imprudente con il presidente del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo Valentino Di Campli - . Si tratta di un passo decisivo nel percorso di crescita qualitativa del mondo enologico abruzzese, è una svolta strategica – aggiunge – che punta a esaltare i differenti territori e la straordinaria biodiversità all’interno di un Abruzzo sempre più coeso e capace di fare squadra”.

I princìpi guida del “modello Abruzzo” sono: semplificazione, cioè meno denominazioni; identità comune rafforzata, con la dicitura d’Abruzzo per tutti ma distinta per territori e micro-territori; segmentazione qualitativa, con l’introduzione della menzione Superiore per i Dopegionali come i vini Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo, Cerasuolo d’Abruzzo, Pecorino d’Abruzzo, Passerina d’Abruzzo, Cococciola d’Abruzzo, Montonico d’Abruzzo, che potranno fregiarsi in etichetta delle appellazioni provinciali; adeguamento al reale potenziale produttivo regionale; il tutto nell’ottica di sostenibilità sociale, economica ed ambientale.

Le quattro appellazioni provinciali per le Doc “d’Abruzzo” che potranno fregiarsi invece delle menzioni “Superiore” e “Riserva” saranno: Colline Teramane; Colline Pescaresi; Terre de L’Aquila; Terre di Chieti.

“Si tratta – conclude il vicepresidente Imprudente – di un’opportunità fondamentale per tutto il sistema vitivinicolo regionale che consentirà finalmente ai nostri vini di esaltare le potenzialità e di acquisire maggiore credibilità nel mercato”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vino, dal Ministero via libera alla menzione “Superiore” per le Dop d’Abruzzo

ChietiToday è in caricamento