rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

Villa Pini: dopo sei mesi ancora incertezze sul futuro dei lavoratori

L'accordo che garantiva l'assunzione di centinaia di lavoratori non sembra essere rispettato. Il consigliere comunale De Lio denuncia la totale assenza di un piano industriale e la non considerazione delle richieste delle organizzazioni sindacali

A sei mesi dall’accordo che garantiva l’assunzione di 466 lavoratori a Villa Pini, ancora incertezze sul futuro occupazionale. Le organizzazioni sindacali, nell’incontro di ieri mattina (27 marzo 2014), hanno ricevuto all’ultimo momento la proposta ufficiale dell’azienda, sull’assegnazione di qualifiche, che però non rispetterebbe l’accordo del 7 settembre 2013.

Nell’incontro di ieri si sarebbe dovuto discutere dell’inquadramento contrattuale del personale dipendente e  della garanzia dei contratti a tempo indeterminato a quei lavoratori che sono stati assunti con il contratto a tempo determinato.

“Vale la pena ricordare – dice il capogruppo dell’Udc e consigliere comunale Mario De Lio  - che i lavoratori della Casa di Cura Villa Pini hanno mostrato tutta la loro affidabilità e professionalità proseguendo, seppur con una importante riduzione delle risorse umane, quell’attività sanitaria tanto preziosa per il nostro territorio.

Invece, la ripresa delle attività assistenziali che procede a rilento, la totale assenza di un piano industriale unitamente alla non considerazione delle richieste delle organizzazioni sindacali, destano non poca preoccupazione”.

De Lio assicura che la politica non smetterà di monitorare la situazione . “Come Udc Chieti – conclude - saremo in ogni caso dalla parte dei lavoratori perché siano offerte le necessarie garanzie a continuare l’attività sanitaria con l’elaborazione di un Piano Industriale atto a rilanciare la Casa di Cura ed i conseguenti riflessi positivi sull’incremento dei posti di lavoro e sull’assistenza nel nostro territorio”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Pini: dopo sei mesi ancora incertezze sul futuro dei lavoratori

ChietiToday è in caricamento