“Stop all’abusivismo dei viaggi organizzati”: agenzie sul piede di guerra promettono controlli a tappeto

Parte dall’Abruzzo la campagna delle agenzie indipendenti per difendere il lavoro di chi ha regolare licenza e stanare chi si improvvisa

È partita in Abruzzo la campagna di sensibilizzazione contro l’abusivismo dei viaggi organizzati. A promuoverla sono le agenzie viaggi indipendenti che invitano a diffidare di chi si improvvisa. “In questo periodo così delicato ci  sembra opportuno sensibilizzare le persone ad affidarsi solo alle agenzie regolarmente costituite - dicono i membri del direttivo delle agenzie di viaggio indipendenti Erminio Di Cioccio, Annalisa De Luca, Emanuela Placido e Patricia Parisi - siamo a ribadire inoltre la tutela dell’ intera categoria: per svolgere l’attività di organizzazione di un viaggio è obbligatoria la licenza di agenzia di viaggio”. 

Chi decide di improvvisarsi agente di viaggi senza una regolare licenza è soggetto a delle gravi conseguenze penali, fiscali e legali, ricordano gli agenti di viaggio abruzzesi specificando che “solo le agenzie di viaggi sono autorizzate ad emettere regolare fattura ed incassare le quote per l’organizzazione di viaggi”.

L’invito rivolto a tutti i viaggiatori che acquistano un viaggio è a richiedere sempre il contratto  e la licenza di viaggio. “La nostra azione – annunciano - si concretizzerà con controlli stringenti attuati su tutto il territorio regionale ma anche e soprattutto su internet, al fine di individuare e stanare gli abusivi che offrono i propri servizi anche online.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi mesi attiveremo dei protocolli d’intesa con le forze dell’ordine, comuni, regione e province al fine di porre rimedio a questo fenomeno che danneggia la professionalità e la credibilità dell’intera categoria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento