Economia

La Via Verde candidata al Bando europeo per il turismo accessibile

La Costa dei Trabocchi partecipa al bando europeo indetto per individuare un gruppo di destinazioni turistiche emergenti che abbiano dimostrato la capacità di integrare l'accessibilità a tutti i turisti nella propria strategia di sviluppo

Si chiama EDEN 2012/2013 il nome del bando europeo indetto per individuare un gruppo di destinazioni turistiche emergenti, che abbiano dimostrato la capacità di integrare l’accessibilità nella propria strategia di sviluppo turistico. A predisporlo è stato il Dipartimento Affari Regionali - Turismo - Sport della Presidenza del Consiglio, in collaborazione con l’ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo), il Coordinamento Regionale per il Turismo e l’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani). Grazie alla collaborazione con la onlus Diritti Diretti e il Laboratorio Accessibilità Universale (LAU) dell’Università degli Studi di Siena che hanno offerto la loro competenza specialistica nel TURISMO PER TUTTI, la “Via Verde della Costa dei Trabocchi” della Provincia di Chieti ha potuto candidarsi a quest’ambito riconoscimento.

""Questo riconoscimento - spiega Di Giuseppantonio - darebbe un importante “sigillo di qualità” alla pista ciclo-pedonale da realizzare sulla fascia litoranea che attraversa le aree ferroviarie dismesse sulla linea Adriatica tra i Comuni di Ortona (CH) e di Vasto (CH), valorizzando ancor di più il patrimonio naturale/culturale della costa che potrebbe così diventare il volano economico e turistico della Regione verde d’Europa già premiata con diversi riconoscimenti: Premio del paesaggio del Consiglio d'Europa 2013; Bandiera arancione (marchio di qualità turistico ambientale del Touring Club Italiano); Bandiera Verde Agricoltura (riconoscimento alla politica dell’ambiente e del paesaggio e della sua valorizzazione a fini turistici); Appartenenza ai Borghi più Belli d’Italia (Club nato nel 2001 su impulso della Consulta del Turismo dell'Associazione dei Comuni Italiani - ANCI) e Certificazioni ambientali secondo la norma ISO 14001.

Grazie alla professionalità di Diritti Diretti e LAU - ha concluso il Presidente della Provincia di Chieti - tutti i 9 Comuni coinvolti (Francavilla Al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto, San Salvo) hanno, infatti, capito quanto sia importante valorizzare i criteri dell’Accessibilità Universale durante la progettazione plurisensoriale, la realizzazione e la comunicazione della pista ciclo-pedonale, in modo da rispondere alle esigenze di ogni categoria di residente e turista, anche famiglie con passeggini, donne in stato di gravidanza, disabili, persone anziane e chi, per i più svariati motivi, ha problemi di deambulazione (ES: infortunati con stampelle).

In questo modo, infatti, il prodotto turistico che offriremo a turisti/residenti sarà comodo, sicuro, fruibile dal maggior numero di persone e soprattutto amabile per dimostrare come l’accessibilità costituisca un valore aggiunto, anche esteticamente. La “Via Verde della Costa dei Trabocchi” sarà, infatti, dotata di strumenti che potranno rappresentare la sua unicità in ambito nazionale ed europeo, oltre che conferire i requisiti di attrattiva culturale ed economica al territorio regionale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Via Verde candidata al Bando europeo per il turismo accessibile

ChietiToday è in caricamento