Economia

Vertenza Sixty: Cisl e Uil firmano l'accordo con l'azienda, Cgil non cede

I due sindacati sottoscrivono un accordo programmatico che prevede il reimpiego di 50 dipendenti, più altri 70 posti in un'azienda satellite. La Cgil si riserva di studiare i documenti e convoca per lunedì un incontro con i lavoratori

Firmano Cisl e Uil, si astiene Cgil. Nella tarda serata di ieri (giovedì 7 febbraio), dopo una riunione durata tutto il giorno nella sede del ministero dello Sviluppo economico, i sindacati hanno sottoscritto un accordo programmatico con i vertici aziendali.

L’accordo, avallato dal ministero, dalla Regione (rappresentata dall’assessore allo Sviluppo economico Alfredo Castiglione), dalla Provincia (era presente l’assessore al Lavoro Daniele D’Amario) e dal Comune (rappresentato dall’assessore Antonio Viola), non offre grandi prospettive ai lavoratori. I quasi 400 posti attuali sarebbero ridotti a poco più di 50 impiegati in una Newco. A questi se ne aggiungerebbero 70 in un’azienda satellite.

La Cgil per il momento ha detto no: nei prossimi giorni i rappresentanti dei lavoratori studieranno i documenti e lunedì dovrebbero incontrare i dipendenti del marchio tessile per decidere insieme a loro cosa fare.

Si avvicina, intanto, la scadenza della cassa integrazione straordinaria, prevista per marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Sixty: Cisl e Uil firmano l'accordo con l'azienda, Cgil non cede

ChietiToday è in caricamento