La ventricina del Vastese sbarca negli Usa

Scambio tra il Comune e Saludecio, nel North Carolina. Il sindaco di Carunchio ambasciatore del gusto partirà il prossimo 19 marzo

Sarà la ventricina del Vastese la principale protagonista della visita del sindaco di Carunchio Gianfranco D'Isabella in North Carolina, nella cittadina di Saluda. Posto che ha molto in comune con Carunchio che vuole rafforzare l'accordo di partenariato già stipulato due anni fa oltreoceano e che prevede scambi culturali e commerciali.

L'iniziativa è stata presentata da D'Isabella assieme al dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo di Castiglione Messer Marino Marco De Marinis, i cui alunni saranno protagonisti di un gemellaggio, e all'associazione di promozione e tutela della ventricina del Vastese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un partenariato, quello con Saluda, che ha già portato risultati a Carunchio: al momento sono una trentina gli oriundi italiani che vivono in Nort Carolina ad avere richiesto la doppia cittadinanza, motivo per cui il sindaco di Carunchio sta studiando condizioni favorevoli per il patrimonio edilizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

  • Proprietà e benefici delle fave, da mangiare rigorosamente con “pane onde”

Torna su
ChietiToday è in caricamento