Trasporto pubblico, i sindacati tornano ad attaccare La Panoramica: "Scarica i costi sulla collettività"

I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Ugl Autoferro e Faisa Cisl accusano l'azienda di trasporti di "calpestare i diritti dei lavoratori"

Non si placa la polemica dei sindacati a tutela dei lavoratori del trasporto urbano di Chieti. Dopo il primo comunicato duro da parte di Filt Cgil, Fit Cisl, Ugl Autoferro e Faisa Cisl che denunciavano ritardi nell'arrivo degli ammortizzatori sociali e la replica dell'azienda La Panoramica che sottolineava le "volute e pesanti inesattezze" lanciate dalle organizzazioni sindacali, ora queste ultime tornano a farsi sentire.

"Da un lato - scrivono le sigle sindacali -  ci sono lavoratori del trasporto urbano di Chieti che in un contesto peraltro assai difficile e rischioso, hanno continuato a garantire ininterrottamente, e anche durante la pandemia Covid-19, un servizio pubblico essenziale al pari, ad esempio, dei lavoratori della sanità. Dall’altra c’è un’azienda “La Panoramica” di Chieti che seppur di natura privata, al pari di tutte le aziende del settore, rappresenta quell’imprenditoria un po’ anomala che fa impresa potendo contare puntualmente sulle risorse pubbliche messe a disposizione dallo Stato centrale e dagli Enti locali".

A questo punto i sindacati lanciano un messaggio anche alla politica locale:

E la differenza non è da poco e viene a galla proprio in un contesto emergenziale come quello che stiamo vivendo perché se a fermarsi è una impresa privata che opera nel ramo industriale o commerciale, sussistono oggettivamente non pochi problemi sia per l’imprenditore che per i propri dipendenti. Mentre se a fermarsi è un’azienda di trasporto pubblico locale come nel caso della società “La Panoramica” (che peraltro ha ereditato da decenni la gestione del trasporto urbano di Chieti senza essersi mai confrontata con il mercato), scattano immediatamente meccanismi straordinari di salvaguardia da parte dello Stato e delle Regioni in grado di sopperire ampiamente al taglio dei servizi e al taglio degli introiti per la mancata vendita dei titoli di viaggio. Ed è il caso che lo sappiano sia l’opinione pubblica che gli amministratori locali di Chieti (Sindaco in testa che non ha proferito una sola parola su questa vicenda) ma anche la Regione a cominciare dai consiglieri regionali e assessori eletti in provincia di Chieti.

Questi i fatti "inconfutabili" secondo Nicola Grifone (Filt-Cgil), Domenico Di Fabrizio (Fit-Cisl), Giuseppe Lupo (Ugl Autoferro) e Maurizio Pasqualone (Faisa Cisal):

Secondo la legge 24 aprile 2020, n. 27 – art. 92  il Governo si appresta a garantire alle Regioni e quindi alle imprese gli stessi corrispettivi ricevuti nei periodi pre-COVID, non escludendo risorse aggiuntive anche per fronteggiare i mancati introiti derivanti dalla vendita di biglietti e abbonamenti. A questo occorre aggiungere ulteriori agevolazioni quali il credito d’imposta per le imprese che avranno effettuato ad esempio le operazioni di sanificazione dei mezzi pubblici. La Regione Abruzzo ha già provveduto in anticipo a garantire alle imprese di trasporto abruzzesi, i contributi relativi alla prima quadrimestralità. Inoltre (è notizia recente) il Ministero dei trasporti ha emesso un provvedimento che garantisce alle Regioni a statuto ordinario (Abruzzo compreso) l’80% delle risorse previste dal Fondo Nazionale dei trasporti. Altra notizia di non poco conto è relativa alle misure introdotte dalla Regione Abruzzo per favorire la "pace legale con le imprese", un vero e proprio condono camuffato che potrebbe riguardare quelle imprese di trasporto alle prese con contenziosi decennali nei confronti dell’Ente Regione.

In definitiva l’emergenza Covid secondo le organizzazioni sindacali "ha prodotto nel trasporto locale una sola certezza: l’impoverimento e la precarietà per i lavoratori del settore compresi quelli che operano nella società “La Panoramcia”, la quale pur di scaricare i costi sulla collettività, ha utilizzato oltremisura l’ammortizzatore sociale (utilizzato finchè in luogo dei permessi parentali ai sensi della 104)". L’impresa teatina guidata dal Presidente dell’Associazione datoriale che raggruppa le aziende private abruzzesi di trasporto locale, pur essendo perfettamente consapevole sia dei citati interventi per il settore garantiti dal Governo e dalla Regione e sia dei ritardi che si sarebbero verificati per la corresponsione ai lavoratori dei previsti ammortizzatori sociali, ha di fatto respinto la richiesta sindacale di anticipare, per conto dell’Inps, al personale dipendente le somme relative alla mancata prestazione lavorativa. Ed è tutto verbalizzato". 

"Tutto il resto (compresi gli acconti sulla quattordicesima promessi dall’azienda)  - concludono Filt Cgil, Fit Cisl, Ugl Autoferro e Faisa Cisl - sono solo chiacchiere di chi è responsabile di aver messo in serie difficoltà economica decine e decine di dipendenti con le loro rispettive famiglie ormai da mesi senza stipendio e con affitti, mutui e bollette da pagare. In conclusione vogliamo ricordare all’azienda che finché verranno calpestati i diritti e la dignità dei lavoratori, queste organizzazioni non taceranno mai".
 
          

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento