rotate-mobile
Economia Mozzagrogna

Traffico container tra Vasto e Trieste: risultati promettenti

Nei quaranta collegamenti effettuati, tra Vasto e Trieste, sono stati trasportati oltre duemila container. La riunione nella sede Confindustria a Mozzagrogna

Ad un anno dall’istituzione del collegamento tra il porto di Vasto e quello di Trieste per il servizio feeder per la spedizione dei container, operatori marittimi, spedizionieri e le aziende del territorio, si sono incontrate per tracciare un primo bilancio e gettare le basi per lo sviluppo futuro.

La riunione si è svolta nella sede Confindustria di Mozzagrogna, dove sono intervenuti Paolo Primavera, presidente di Confindustria Chieti, Silvio Di Lorenzo, presidente della Camera di Commercio di Chieti, Marco Zollia e Diego Stinco della Trieste Marine Terminal, e Enrico Cau della Compagnia di navigazione Maersk.

“Quella che era una sfida, oggi ha dimostrato di avere l’autonomia per consolidarsi e affermarsi, come elemento strategico di competitività. I risultati ottenuti – ha dichiarato in apertura dei lavori Paolo Primavera – meritano la più ampia fiducia ed è giusto che il servizio sia sempre più calzante, rispetto le esigenze delle aziende del territorio. L’efficienza nella logistica è uno dei parametri più importanti per il sistema industriale locale, per questo confermiamo il nostro impegno nel garantire il massimo apporto all’iniziativa”.

I numeri illustrati dai rappresentati della Trieste Marine Terminal hanno confermato la garanzia di affidabilità del servizio svolto in questo primo anno di attività. Nei quaranta collegamenti effettuati, tra Vasto e Trieste, sono stati trasportati oltre duemila container. Con un alto tasso di qualità del servizio offerto, che si è fatto apprezzare per la puntualità garantita al traffico, che ha sempre raggiunto la nave madre in partenza per i porti di destinazione.

“Il porto di Vasto è diventato un pezzo della nostra banchina –ha commentato Marco Zollia responsabile marketing della Trieste Marine Terminal – e oltre al servizio offerto alle aziende, mi piace sottolineare i benefici ambientali che sono stati conseguiti, evitando il transito di oltre mille camion sulla lunga distanza, per un totale di 270mila chilometri stradali di percorrenza evitata. Per non parlare delle miniori emissioni in atmosfera, con oltre 200mila chilogrammi di C02 e una sensibile riduzione di particolato e ossido di azoto. Nel prossimo anno, oltre a consolidare il servizio, cercheremo in tutti i modi di favorire un incremento del traffico export, anche puntando su connessioni intermodali con alcune nazioni del Nord e dell’Est Europa”.

Così infine Diego Stinco, della Trieste Marine Terminal: “Sarebbe riduttivo definire il servizio di collegamento tra Vasto e Trieste un semplice servizio feeder. Per le modalità di svolgimento e per la flessibilità con cui riusciamo a garantire la connessione tra i vari porti, sarebbe più giusto definirlo un servizio shuttle. In alcuni casi, le nostre navi riescono ad assecondare anche richieste dell’ultima ora e, magari, attendere l’arrivo di container, oltre alla possibilità di avere servizi dedicati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico container tra Vasto e Trieste: risultati promettenti

ChietiToday è in caricamento