Economia

Telepass difettosi: scopri se il tuo fuziona correttamente

L'azienda ha deciso di procedere con un immediato richiamo degli apparecchi difettosi che possono essere sostituiti gratuitamente nel Punto Blu più vicino

Da un’analisi del suo parco circolante, composto da oltre 8.000.000 di apparati, Telepass ha verificato che circa 65.000 apparecchi potrebbero essere soggetti ad episodi di malfunzionamento.

Nel corso del 2012 si sono registrati dodici casi di dispositivi malfunzionanti (lo 0,02% degli apparecchi soggetti a richiamo), con batterie quasi scariche appartenenti allo stesso lotto di produzione. L’azienda invita la clientela interessata dal problemaa procedere con la sostituzione gratuita presso il Punto Blu più vicino.  

Ma come fare per capire se l'apparecchio è difettoso? Occorre collegarsi al sito www.telepass.it per verificare se l’apparecchio Telepass appartenga o meno alla partita interessata dal potenziale malfunzionamento. Dal link “Verifica il tuo Telepass” poi, seguire le istruzioni, oppure accedere all’area riservata “Telepass Club”. Se il telepass fa parte del lotto in questione, nella sezione "Il tuo contratto” o “I tuoi contratti” apparirà il simbolo di pericolo.

In questi casi è necessario recarsi immediatamente nel Punto Blu più vicino per la sostituzione gratuita dell’apparecchio (nel caso di più contratti è necessario fare la verifica per ognuno di essi).

“Se non c’è nessun simbolo di pericolo e non si è ricevuta nessuna comunicazione da parte dell’azienda, allora non c’è nulla da temere - spiega De Carolis, CEO di Telepass Spa - Se il cliente non trova alcuna segnalazione sul sito e non ha ricevuto alcuna comunicazione da parte nostra, il suo apparato è perfettamente funzionante e non c'è alcuna necessità di effettuare controlli ulteriori o sostituzioni”.

L'eventuale malfunzionamento dell'apparecchio è dovuto alla batteria al litio che, a causa dell’usura e del basso livello di carica, potrebbe rilasciare emissioni di liquido o gas. “L’azienda sta prestando la massima attenzione al problema e si sta mobilitando per gestire il richiamo in tempi assolutamente celeri - sottolinea De Carolis -  sono state mandate, all'indirizzo postale fornito dal cliente, raccomandate con ricevuta di ritorno dedicate solo a questo richiamo e separate da qualunque altra comunicazione; sono state inoltre spedite email a tutti i clienti registrati che ci hanno fornito il loro indirizzo, e SMS a quelli che ci hanno lasciato il numero di cellulare. Stiamo anche contattando telefonicamente tutti i clienti che hanno fornito un recapito telefonico”.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telepass difettosi: scopri se il tuo fuziona correttamente

ChietiToday è in caricamento