rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Economia

Nasce l'osservatorio permanente del commercio teatino, uno strumento per supportare l'economia di settore

Via libera nell'ultima riunione del tavolo tecnico voluto dall’amministrazione comunale e dalle associazioni di categoria per condividere scelte e provvedimenti

Via libera del tavolo tecnico per il Commercio all’osservatorio permanente del settore. La riunione si è tenuta stamane, da remoto, in presenza di tutti i componenti dell’organismo voluto dall’amministrazione comunale e dalle associazioni di categoria per condividere scelte e provvedimenti che hanno come orizzonte il commercio e l’intera filiera di settore della città.

“Si tratta di uno strumento che, su istanza della categoria, intendiamo concretizzare al fine di supportare l’economia di settore – spiegano il sindaco Diego Ferrara e l’assessore al Commercio Manuel Pantalone - L'osservatorio che intendiamo costruire insieme alla categoria servirà a fornirci informazioni sull'evoluzione, a livello comunale, del reddito e dei consumi (aggregati e disaggregati per tipologie di beni) e sui comportamenti di consumo degli acquirenti".

"Si tratta - aggiungono - di un focus delle dinamiche della filiera commerciale, in particolare della domanda, utile come strumento di conoscenza, ma soprattutto di programmazione, al fine di interpretare al meglio questo importante momento di ripartenza. Si parte dall’analisi dei dati sul numero di attività al dettaglio nel centro storico, che è subito consolante, perché le cifre emerse dalle ultime statistiche del Centro studi della Confcommercio aggiornate al giugno scorso, ci vedono perfettamente in linea con gli altri capoluoghi assimilabili al nostro, non solo abruzzesi e con un potenziale addirittura maggiore di città con il doppio degli abitanti. Sono 174 le attività registrate nel centro storico teatino, contro le 133 di Pescara e le 135 di Ascoli Piceno. Dati che ci inducono a proseguire sulla via del rilancio del commercio cittadino e che danno manforte anche all’ultima iniziativa partita con il progetto CompraTeatino, mirata proprio ad esprimere tutto il potenziale della nostra città e del suo comparto commerciale storico".

L’Osservatorio avrà come motore un numero ristretto di sigle, quelle che hanno centri studi nazionali, come Confesercenti, Confcommercio, Cna, Confartigianato e in parte Aniac, "che ci consentiranno di analizzare i flussi e trarne giovamento con iniziative e decisioni condivise”, spiegano Ferrara e Pantalone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce l'osservatorio permanente del commercio teatino, uno strumento per supportare l'economia di settore

ChietiToday è in caricamento