Economia Ortona

La Provincia guarda ai Balcani con un traghetto da Ortona a Ploce (Croazia)

Gettate le basi per un collegamento fra le due sponde dell'Adriatico: l'obiettivo è intercettare il traffico delle merci e attivare flussi turistici

Provincia di Chieti e Balcani sempre più vicino con il progetto di collegare tra loro le due sponde dell’Adriatico.

L'Ente, che ha incontrato una delegazione della Bosnia, della Croazia e del Montenegro, avrà infatti un ruolo centrale nell’ambito della Macroregione Adriatico - Ionica. ll progetto prioritario per puntare all’area dei Balcani è l’attivazione di un traghetto di collegamento fra le due sponde, Ploce (Croazia) e Ortona, capace di incettare i flussi di merci e di attivare quelli turistici.

In quest'ottica Provincia di Chieti e Paesi balcanici faranno sistema per agevolare la competitività dei rispettivi sistemi produttivi, per individuare nuovi mercati e intercettare quel traffico merci che oggi è indirizzato su gomma o nei porti del Nord Europa, una situazione che rende poco appetibile soprattutto la produzione abruzzese, con aziende costrette a rinunciare ad alcune commesse per via dei costi di trasporto troppo elevati e con ricadute negative anche per i Paesi balcanici, a loro volta sono esclusi dalle rotte del traffico.

Anche la Regione Abruzzo parteciperà all'attivazione di questo collegamento diretto marittimo.

"Abbiamo due porti importanti - spiega il preidente Di Giuseppantonio - Ortona e Vasto, che devono diventare i punti di riferimento della rete economica e commerciale che vogliamo costruire. Rete significa collegamenti, significa traffico merci ma anche traffico passeggeri, turismo da e per l’Italia e per la provincia di Chieti. Vogliamo che la Provincia di Chieti nell’ambito della Macroregione possa diventare l’interfaccia principale dei Balcani".

 




 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia guarda ai Balcani con un traghetto da Ortona a Ploce (Croazia)

ChietiToday è in caricamento