Niente pedaggio autostradale in A24 e A25 per medici e infermieri pendolari: pronta l'autocertificazione

Strada dei Parchi ha accolto la richiesta del presidente della Regione Abruzzo per andare incontro ai disagi dei tanti sanitari pendolari impegnati in prima linea contro il Coronavirus

Sanitari esentati dal pagamento dei pedaggi autostradali in A24 e A25. La concessionaria Strada dei Parchi si impegna così a intervenire per alleviare i disagi che tanti medici e infermieri pendolari in queste settimane sono costretti ad affrontare a causa del taglio dei trasporti pubblici.

L’amministratore delegato di Strada dei Parchi, Cesare Ramadori, ha accolto la richiesta del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio rendendosi disponibile “ad intervenire con l’esenzione del pagamento del pedaggio autostradale per quanto concerne il personale sanitario impegnato per fronteggiare l’emergenza”.

La Regione Abruzzo sta facendo predisporre ai suoi uffici una autocertificazione che i sanitari che utilizzano dette autostrade dovranno sottoscrivere indicando le generalità, luogo di partenza e sede di lavoro, tipo e targa del veicolo utilizzato, al fine di predisporre l’elenco da consegnare a Strada dei Parchi. Il  modello sarà scaricabile da lunedì prossimo sul sito internet della Regione Abruzzo.

Per i possessori di telepass la procedura sarà attiva dopo la trasmissione del modulo a Strada dei Parchi, mentre per chi fosse sprovvisto di telepass Strada dei Parchi provvederà all’invio di una tessera prepagata dopo aver validato l’autocertificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Voglio ringraziare Strada dei Parchi – ha detto il presidente Marsilio – che in un periodo difficile, che ha causato anche a loro, a causa delle limitazioni agli spostamenti, un forte decremento degli incassi a parità di servizi offerti per la sicurezza e la manutenzione della rete viaria, ha voluto dare questo segno tangibile di collaborazione e sostegno ai diversi sanitari ogni giorno impegnati in prima linea per la salute di tutti gli abruzzesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento