Stadio Angelini, la politica si mobilita in vista del campionato di serie D

L'assessore regionale Febbo annuncia 150mila euro per la messa in sicurezza. I lavori riguarderanno il ripristino del sistema d’irrigazione e del manto erboso. L'obiettivo è rispondere agli standard richiesti dalla Lega Nazionale Dilettanti, che ha già sollevato numerosi dubbi al Comune 

È stata avviata la procedura per il finanziamento e la messa in sicurezza dello stadio Angelini di Chieti. Dopo l'approvazione in consiglio regionale di un contributo di 100mila euro per risolvere i problemi strutturali, oggi  l’assessore regionale alle Attività produttive Mauro Febbo, fa sapere che a quella somme si aggiungeranno altri circa 50 mila euro per altre necessità impellenti riguardanti la struttura sportiva teatina, in vista del prossimo campionato di serie D.

Lunedì con l'invio della richiesta sottoscritta dal sindaco Umberto Di Primio e dal consigliere comunale Emiliano Vitale, in qualità di presidente della Commissione Lavori pubblici, è iniziata la procedura di acquisizione dei fondi PAR-FSC 2007-2013 per la messa in sicurezza dello stadio.

Un intervento necessario per il ripristino del sistema d’irrigazione e del manto erboso, per avere una qualità del terreno adeguata al campionato che la squadra di calcio neroverde dovrà affrontare e per rispondere agli standard richiesti dalla Lega Nazionale Dilettanti, che ha già sollevato numerosi dubbi al Comune. 

“Questo è solo uno dei primi interventi con fondi regionali ed europei per la città di Chieti" assicura Mauro Febbo, che con il Comune sta cercando di reperire anche i fondi per la ristrutturazione dello storico campo sportivo di Villa Frigerj. "Parallelamente - aggiunge – stiamo ragionando, sempre in simbiosi con il Comune, su altri importanti progetti al fine di sbloccare situazioni in stallo da troppo tempo, per riequilibrare l’attenzione fra le varie realtà, come ho sostenuto in campagna elettorale, con fattivi interventi per Chieti e la sua provincia”. 

"L’assessore Mauro Febbo ha preso a cuore anche questa situazione andando anche oltre le richieste iniziali - commenta il consigliere teatino Emiliano Vitale – comprendendo subito l’urgenza e conoscendo benissimo il problema delle casse comunali che non hanno capienza economica per far fronte a questo problema. È stato stilato un progetto preliminare di spesa che si aggira sui 150 mila euro proprio per ridare un minimo di sicurezza e salubrità agli ambienti a servizio dello stadio, con un cronoprogramma che dovrebbe chiudersi entro fine giugno”.

Potrebbe interessarti

  • Tumore al seno e all’ovaio: "forte componente ereditaria" nelle donne che hanno effettuato il 'test Jolie'

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ingredienti pericolosi nelle creme solari: è allarme

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • Ciao Lorenzo, tanta commozione al funerale del ragazzo morto durante una partita di calcetto

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • La guida agli eventi del Ferragosto 2019

  • Droga, arrestato insospettabile: spacciava cocaina e hashish

Torna su
ChietiToday è in caricamento