rotate-mobile
Economia

Spese di Natale: le più alte in provincia di Chieti (soprattutto alimentari) e gli abruzzesi riscoprono l'artigianato

Secondo uno studio di Confartigianato in Abruzzo per le festività si spenderanno 497 milioni di euro. E intanto riparte la campagna per sostenere i negozi di vicinato

Grandi spese per le feste di Natale e gli abruzzesi non fanno eccezione: da uno studio di Confartigianato, a livello locale, emerge che si spenderanno 497 milioni di euro (352 milioni in prodotti alimentari e bevande e 145 milioni in altri prodotti), dato che incide per il 2% sulla spesa totale nazionale che invece raggiungerà il valore di 24,4 miliardi di euro.

Si spenderà di più nella provincia Chieti (145 milioni di cui 103 milioni in prodotti alimentari), seguita da Pescara (121 milioni di cui 86 alimentari), L’Aquila (116 milioni di cui 82 alimentari) e infine Teramo (115 milioni di cui 81 alimentari).

Lo shopping di Natale sarà invece sfrenaton Lombardia con 4,3 miliardi di euro (17,5% del totale nazionale) e nel Lazio con una spesa stimata di 2,4 miliardi. Meno dell'Abruzzo si spenderà in Umbria (354 milioni), nelle Province autonome di Trento (230 milioni) e Bolzano (221 milioni), in Basilicata (211 milioni), nel Molise (117 milioni) e in Valle d’Aosta (58 milioni).

Nella nostra regione il 34% degli addetti del settore artigiano (7.726 imprese, 18.686 addetti) è coinvolto nell’offerta di prodotti e servizi natalizi, una percentuale che supera la media nazionale pari al 33,9%. A livello provinciale in Abruzzo il peso più rilevante dell’artigianato interessato dalla domanda per le festività natalizie si riscontra a Teramo, dove coinvolge 5.661 addetti (pari al 36,9% del totale delle imprese artigiane del territorio).  A seguire Pescara, con 4.596 addetti (35,2%), mentre dati leggermente inferiori si osservano a Chieti (5.101 addetti pari al 33,4% del totale) e a L’Aquila (3.331 addetti pari al 29,5% del totale).

“I dati dimostrano che i consumatori preferiscono acquistare prodotti e servizi realizzati da artigiani e micro piccole imprese locali – commentano il presidente e il segretario regionale di Confartigianato Abruzzo, Giancarlo Di Blasio e Daniele Di Marzio - ciò non significa solo sostenere l’imprenditore, i suoi dipendenti e le rispettive famiglie, ma anche contribuire alla trasmissione della cultura del sapere artigiano nel territorio”.

Per incentivare la valorizzazione del territorio e il sostegno alle imprese locali anche quest’anno Confartigianato rilancia la campagna ‘Acquistiamo locale’. “È un invito a rivolgersi ai negozi e alle botteghe di prossimità, e a dare un senso a questa scelta di responsabilità e sostenibilità – riprendono Di Blasio e Di Marzio - i prodotti e i servizi offerti dalle imprese artigiane italiane sono caratterizzati da una artigianalità basata sul valore del lavoro, sull’ascolto del cliente e sulla personalizzazione del prodotto, a cui si associa l’alta qualità delle materie prime e dei prodotti realizzati. Scegliere un regalo, espressione del valore artigiano e del Made in Italy equivale a donare creatività, innovazione e originalità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spese di Natale: le più alte in provincia di Chieti (soprattutto alimentari) e gli abruzzesi riscoprono l'artigianato

ChietiToday è in caricamento