Economia

Spending review, Di Primio: "Colpo di grazia agli amministratori locali"

Il sindaco, in qualità di Responsabile del personale e relazioni sindacali dell'Anci, ha poche speranze sui risultati della protesta organizzata a Roma per il prossimo 24 luglio. E prospetta un futuro duro, senza servizi

 

Nessuna speranza, secondo il sindaco Umberto Di Primio, di evitare i pesantissimi tagli stabiliti dal decreto legge sulla spending review.

Il primo cittadino, in qualità di Responsabile del personale e relazioni sindacali dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), parla della manifestazione di protesta promossa per il 24 luglio prossimo nella capitale come di “un grido di dolore degli enti locali, ma una mera testimonianza”.

“Il decreto – spiega – è già stato pubblicato e non credo che la discussione in Parlamento possa tirare fuori qualcosa di meglio di quello che già c’è”. Non risparmia una stoccata al Governo Monti, definendolo “grigio e ragionieristico che non fa i conti con il Paese reale”. Mentre per lui il Parlamento italiano “ha sacrificato il Paese sull’altare della pavidità chiamando dei tecnici a fare ciò che non ha avuto il coraggio di fare”.

“Dai tecnici – continua - mi aspettavo di più. È troppo facile ricorrere ai tagli lineari che rappresentano il miglior strumento per la riduzione della spesa. Si sappia, però, che questi daranno il colpo di grazia a quegli amministratori che con fatica hanno sempre fatto il loro mestiere, cercando di dare risposte ai cittadini nelle situazioni più difficili”.

Per Di Primio il futuro sarà duro “asili chiusi, soppressione di servizi e mancanza di personale”. Una realtà con cui si dovranno confrontare i parlamentari l’anno prossimo, in occasione delle elezioni politiche: “Voglio vedere – conclude il sindaco – in che situazione chiederanno i voti”.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spending review, Di Primio: "Colpo di grazia agli amministratori locali"

ChietiToday è in caricamento