Sindacati al prefetto: "Quali misure sono state adottate per tutelare ospiti e personale nelle Rsa?"

Ora l’obiettivo è di evitare altri focolai come quello avvenuto nel Centro Anziani di Atessa e nella Rsa Villa San Giovanni a San Giovanni Teatino

I sindacati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil della provincia di Chieti hanno scritto al prefetto, al presidente della Provincia e al direttore generale della Asl per sapere quali misure sono state messe in campo per tutelare le persone anziane e disabili ricoverati nelle Rsa e il personale e di essere messi a conoscenza sulla distribuzione di adeguati Dpi nelle strutture. L’obiettivo ora è evitare altri focolai come quello avvenuto nel Centro Anziani di Atessa e nella Rsa Villa San Giovanni a San Giovanni Teatino. 

Nella lettera, sottoscritta dalle segreterie unitarie, si chiede anche chiarezza sulla istituzione di una task force con il coinvolgimento attivo di sindaci, prefetto e Protezione Civile, sui ritarid dei tamponi e suelle operazioni di sanificazione.

“In questa situazione di emergenza – spiegano Cgil, Cisl e Uil - siamo fortemente preoccupati per le fasce più fragili della popolazione, i pensionati in condizioni di bisogno, le persone ricoverate nelle Rsa, nelle case di riposo: per questo ci siamo attivati a livello nazionale e territoriale per la loro tutela. I decessi e i casi di infezione crescono così come i contagi di operatrici e operatori. Gli ospiti muoiono nella totale solitudine mentre i familiari, a cui ormai da due mesi è vietato l’ingresso, non possono assistere i propri cari sul letto di morte. Parliamo di anziani fragili, che nella maggior parte dei casi non hanno più la capacità di rappresentare i propri bisogni, di difendersi, di auto-tutelarsi e di contrastare eventuali abusi o inefficienze del servizio”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati hanno anche chiesto di salvaguardare il rispetto degli standard qualitativi e quantitativi dei servizi sociali e sanitari, sia per fronteggiare un’inevitabile riduzione del personale conseguente all’emergenza sanitaria e sia per compensare la minore presenza dei familiari e del volontariato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una bimba abruzzese disegna il nuovo peluche venduto da Ikea

  • Negozio di abbigliamento cerca personale per imminente apertura al Megalò

  • VIDEO - Facevano acquistare alla Asl protesi a prezzo gonfiato: quattro persone arrestate e 2 medici sospesi

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • Serve clienti al bancone dopo le 18: barista sanzionato dai carabinieri

  • Il Comune di Chieti procede con le assunzioni: 12 figure entro fine anno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento