Economia Atessa

Fiat fuori dal contratto collettivo, venerdì sciopero alla Sevel di Atessa

Sciopero di quattro ore indetto dall'Usb venerdì prossimo allo stabilimento Sevel in Val di Sangro. Protesta per i nuovi assetti contrattuali

L'accordo siglato il 12 settembre alla Sevel di Atessa sui nuovi assetti contrattuali verrà reso noto ai confaziendali firmatari il prossimo novembre.

La Sevel cambierà denominazione e procederà come avvenuto nello stabilimento di Pomigliano ad un licenziamento collettivo e successive assunzioni mirate vincolate dalla firma dell'accordo/contratto? Oppure applicherà l'accordo/contratto previsto per i futuri dipendenti di Mirafiori con eventuali modifiche e/o correzioni senza stravolgimenti societari?

Se lo chiede l’Unione Sindacale di base, che annuncia lo sciopero dei lavoratori venerdì prossimo dalle 18,15 alle 22,15. “Di fronte a simili scenari e al perpetrarsi di atti unilaterali da parte aziendale in merito alle regole che dovrebbero vincolare il rapporto di lavoro non possiamo restare indifferenti” dice Silvio Di Primio.

“La Fiat - si legge in una nota del Sindacato -  non ha più intenzione di rispettare le regole contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro  dei metalmeccanici, giudicate inefficaci e inutili per il raggiungimento dei propri obiettivi produttivi. Per l’Unione Sindacale di Base la fuoriuscita dall'Associazione degli industriali è avvenuta dopo aver ottenuto la possibilità non più remota di licenziamenti individuali mediante accordi sindacali come previsto dall'articolo 8 della recente manovra finanziaria”.

“Le varie forme di flessibilità di assunzioni oraria, degli straordinari evidentemente non soddisfano le fameliche ambizioni del metalmeccanico milionario che in nome della competitività e del dio mercato equipara i lavoratori ad un qualsiasi costo aziendale e come tale va contenuto o all'occorrenza dimezzato, lasciando inalterati i ritmi produttivi con l'introduzione del sistema ergo-uas, non  risorse umane da valorizzare e premiare. Questa decisione unilaterale non comporterà conseguenze per i vertici aziendali mentre per noi lavoratori verranno meno le garanzie contenute nel C.C.N.L.”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat fuori dal contratto collettivo, venerdì sciopero alla Sevel di Atessa

ChietiToday è in caricamento