menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scende il costo medio della tassa sui rifiuti, ma Chieti resta tra le più care

Per quanto riguarda il costo medio della tassa, in testa c'è L'Aquila (370 euro, + 17,6%), seguita da Chieti (270 euro, -14,3%), Pescara (259 euro, -7%) e Teramo (257 euro, -0,4%)

Aumenta la percentuale di raccolta differenziata e scende al contempo la tassa sui rifiuti. Ma Chieti si conferma tra le più esose d'Abruzzo, seconda soltanto al capoluogo di regione. I dati emergono dall'annuale rilevazione dell'Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanza. 

Secondo l'indagine, la tassa annuale sulla gestione dei rifiuti urbani in Abruzzo, nel 2016, ammonta a 289 euro, in lieve calo rispetto al 2015, segnando -0,9%. La raccolta differenziata, invece, cresce: nel 2014 era pari al 31,4%, con un aumento del 5,8% sull'anno precedente.   

Per quanto riguarda il costo medio della tassa, in testa c'è L'Aquila (370 euro, + 17,6%), seguita da Chieti (270 euro, -14,3%), Pescara (259 euro, -7%) e Teramo (257 euro, -0,4%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento