menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Giovanni Teatino, vinto un bando da 25mila euro per le politiche sociali

Il bando regionale permetterà di distribuire 25 mila euro alle famiglie che hanno usufruito dei servizi dei nidi accreditati, tra i quali quello comunale

Il Comune di San Giovanni Teatino ha vinto un bando regionale per le politiche sociali: permetterà di distribuire 25 mila euro alle famiglie che hanno usufruito dei servizi dei nidi accreditati, tra i quali quello comunale. Lo ha deciso la giunta che ha confermato, inoltre, le tariffe dei servizi per la prima infanzia dell'anno scorso. L’avviso e lo schema di domanda sono stati pubblicati anche sul sito istituzionale www.comunesgt.gov.it. Per rispondere al bando c’è tempo fino al 31 ottobre 2014: le istanze saranno inserite in una graduatoria stilata sulla base della situazione lavorativa, del bisogno sociale e della situazione Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente).

“Siamo particolarmente soddisfatti di aver ottenuto questo finanziamento” spiega l’assessore Massimiliano Bronzino “perché in questo momento di crisi ci permette di mantenere alta l’attenzione verso le fasce più deboli della popolazione”. Possono inoltrare la richiesta i nuclei familiari che rispondono a tre requisiti: presenza di minori nella fascia di età 0-2 che frequentano servizi educativi per la prima infanzia accreditati o in fase di accreditamento (per i nidi accreditandi, la procedura di accreditamento dovrà perfezionarsi entro il termine del 31/10/2014); una nuova iscrizione presso asili nido pubblici o privati accreditati (o in fase di accreditamento) per il periodo 01/02/2014- 31/12/2014 a fronte di spese documentate per le rette di frequenza dell’Asilo Nido; residenza nel comune o avere almeno uno dei genitori che lavora a San Giovanni Teatino. Intanto il consiglio comunale, nella seduta di venerdì 26 settembre, ha modificato il Regolamento relativo proprio ai servizi per la prima infanzia. “Si tratta di modifiche minime che vanno incontro alle segnalazioni di genitori e operatori” chiarisce Bronzino. “In particolare si è deciso di eliminare la figura del pediatra, perché le famiglie preferivano comunque rivolgersi al pediatra di libera scelta nell'ambito del Servizio sanitario nazionale. Ci siamo resi conto” prosegue “che la situazione comportava una duplicazione di servizi, e quindi costi inutili”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento