menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approvato il regolamento per la rottamazione delle cartelle: si può pagare in cinque rate

Il consiglio comunale di San Giovanni Teatino ha votato all'unanimità il "Regolamento per definizione agevolata delle entrate comunali non riscosse a seguito della notifica di ingiunzioni di pagamento"

Il consiglio comunale di San Giovanni Teatino, su proposta dell'assessore al Bilancio Ester De Nicola, ha approvato all'unanimità, nella seduta di giovedì scorso, il "Regolamento per definizione agevolata delle entrate comunali non riscosse a seguito della notifica di ingiunzioni di pagamento".

La cosiddetta "Rottamazione ter" consente ai cittadini in difficoltà con il pagamento dei debiti di mettersi in regola senza sanzioni o interessi, dilazionando il saldo. Così, il Comune può iniziare a riscuotere somme che altrimenti difficilmente entrerebbero nelle casse dell'ente.

Le ingiunzioni ammesse a sanatoria sono quelle notificate negli anni dal 2000 al 31 dicembre 2017. Relativamente alle entrate comunali, i debitori possono estinguere il debito, senza corrispondere le sanzioni, versando: le somme ingiunte a titolo di capitale ed interessi, le spese relative alla riscossione coattiva, le spese di notifica dell'ingiunzione di pagamento e quelle per eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute.

Per le sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada, le agevolazioni si applicano limitatamente agli interessi, inclusi quelli di mora.

Il debitore deve presentare apposita istanza entro e non oltre il 30 settembre 2019, indicando il numero di rate nel quale intende effettuare il pagamento (entro un massimo di 5 rate), di cui l'ultima scadenza è fissata non oltre il limite massimo del 30 settembre 2021.

Le cinque rate sono fissate alle seguenti scadenze: 30 dicembre 2019 (per il pagamento della prima o unica rata), 30 giugno 2020, 30 dicembre 2020, 20 giugno 2021, 30 giugno 2021. Non possono essere rateizzati importi inferiori a 60 euro ed ogni singola rata non può essere inferiore a 30 euro.

Dal sito istituzionale del Comune sarà scaricabile, oltre al regolamento, l'apposita modulistica per la presentazione dell'istanza.

Il Comune comunicherà, motivandolo, l'accoglimento o il rigetto entro trenta giorni dal ricevimento dell'istanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento