menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Saldi invernali anticipati, Confcommercio Chieti contro il Megalò

Una nota indirizzata alla comandante della polizia municipale Donatella Di Giovanni per segnalare diversi 'casi sospetti'. "Chiederemo multe commisurate alle dimensioni dei negozi che praticano sconti anticipati in maniera sleale"

Confcommercio Chieti denuncia la pratica scorretta dell’anticipo dei saldi invernali nei centri commerciali e nei negozi al dettaglio della città e della provincia.  La presidente provinciale Marisa Tiberio ha inviato una nota alla comandante della polizia municipale, Donatella Di Giovanni, per segnalare diversi “casi sospetti” di saldi invernali lanciati in largo anticipo in attività commerciali locali ospitate soprattutto a Megalò.

I saldi invernali scatteranno in Abruzzo il 5 gennaio ma a Chieti e dintorni gli attesi sconti sono già stati applicati da un pezzo secondo quanto denuncia, anche attraverso un dossier fotografico, la Confcommercio Chieti. “La storia, purtroppo, si ripete. I nostri associati continuano a lamentare ogni giorno come tantissimi esercizi commerciali stiano pubblicizzando ed applicando sconti, neanche in maniera troppo camuffata, tempo. Una pratica decisamente scorretta - afferma Tiberio - dal momento che la Conferenza delle Regioni aveva stabilito l’avvio dei saldi stagionali per la vigilia dell’Epifania. I saldi restano un’occasione unica, un rito collettivo capace di attrarre l’interesse dei consumatori specie dopo un Natale che per la categoria è stato a dir poco opaco con un calo significativo dei consumi ed una contrazione evidente delle vendite. Ma così tutto è più difficile”.

Questo perché, fa notare Confcommercio, si sta innescando una sorta di “guerra tra poveri” nella categoria che penalizza oltremodo i commercianti corretti. “Eppure c’è chi, in barba alle regole, fa di testa sua anticipando i saldi- aggiunge Tiberio- addirittura con l’acquisto di spazi pubblicitari sui giornali con la certezza di farla franca. Un comportamento che non possiamo più tollerare nel rispetto di chi lavora onestamente e mette a repentaglio i propri averi per tirare avanti sperando in una pronta ripresa dei consumi”.

Il cartellino rosso, dunque, va soprattutto a diversi negozi ospitati nei centri commerciali, ma non se la passa meglio la provincia dove la problematica dei saldi scattati in anticipo non sta risparmiando nessun Comune con parecchie segnalazioni arrivate da Vasto. Da qui l’appello di Confcommercio di intensificare i controlli e, in particolare, di multare i commercianti che ignorano la legge regionale. “Con Federmoda Confcommercio stiamo chiedendo che le sanzioni vengano rapportate alle dimensioni delle attività commerciali multate per arginare, in questo modo, le inadempienze specie da parte della grande distribuzione. Avanzeremo la nostra proposta- annuncia Tiberio- in occasione delle osservazioni alla nuova legge regionale sul commercio perché è arrivato il momento di voltare pagina per tentare di salvare il salvabile. Ci auguriamo che la Regione faccia la sua parte” .     
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento