Economia

Sono iniziati i saldi, sconti record da subito aspettando la Notte del commercio

Il Codacons: "Le aspettative sono altissime". A Chieti si svolgerà sabato 10 luglio la prima Notte del Commercio della città dopo la pandemia con i negozi aperti fino a mezzanotte e alcuni eventi

Sono partiti ufficialmente oggi anche in Abruzzo i saldi estivi 2021. Molto buona l'affluenza, come sempre nei grandi centri commerciali mentre i negozi più piccoli di quartiere soffrono un po' di più.

Quel che balza al'occhio è che da subito vengono proposti sconti record, con percentuali di ribasso sui prezzi che in molti negozi segnano già il -50%, secondo quanto afferma il Codacons, che sta monitorando l'andamento degli sconti di fine stagione.

"I commercianti hanno adottato da subito una politica aggressiva per attirare clienti e aumentare il giro d'affari nella speranza di rifarsi delle perdite degli ultimi mesi - spiega il presidente Carlo Rienzi - le aspettative sui saldi sono altissime e da parte dei consumatori si registra un elevato interesse verso gli sconti, cui fa da contraltare al momento un clima di generalizzata prudenza negli acquisti".

Rispetto al 2020, quando i saldi partirono con un mese di ritardo, ad agosto, per l'emergenza coronavirus, registrando un crollo delle vendite del -30%, le previsioni oggi sono più positive.

Tuttavia, i dati dell'osservatorio della Confcommercio parlano di una bassa propensione al consumo per i saldi, pari a circa 171 euro di spese a famiglia, pari a circa 70 euro procapite.

A Chieti si svolgerà sabato 10 luglio la prima Notte del Commercio della città dopo la pandemia: l'invito a restare aperti fino a mezzanotte da parte del'amministrazione comunale è rivolto anche ai negozi di generi alimentari, ai parrucchieri, per dare alla città un’occasione di svago utile a fare acquisti e anche servizi nuovi.

“I 15 mesi di chiusura hanno ferito le nostre imprese – ha spiegato Marisa Tiberio, presidente di Confcommercio Chieti  - il periodo di saldi deve rappresentare la rinascita. I negozi della moda hanno i magazzini stracolmi, la propensione al consumo non è tornata al periodo pre Covid. Bisogna tornare a comprare locale e tornare turisti dentro le nostre città, consumando cultura e facendone un volano per tempi migliori. Da qui al 10 luglio lavoreremo perché la Notte sia bella e partecipata, invitando tutti i nostri colleghi ad accendere le vetrine e aprire i negozi”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sono iniziati i saldi, sconti record da subito aspettando la Notte del commercio

ChietiToday è in caricamento