menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Saldi estivi, in Abruzzo al via dal 4 luglio

Caccia agli sconti da sabato 4 luglio fino all'inizio di settembre. Il vademecum per i commercianti

E' stata fissata la data dei saldi estivi: in Abruzzo si inizia sabato 4 luglio fino al 1 settembre.

Quest'anno invece dei consigli per gli acquisti vi proponiamo il vademecum per i commercianti riportato da Confcommercio Chieti.

PREVENTIVA COMUNICAZIONE: per l'effettuazione di tali vendite è necessario dare preventiva comunicazione, sette giorni prima dell'inizio delle vendite medesime, con lettera raccomandata, fax, e-mail al comune in cui è ubicato l'esercizio indicando l'inizio, la fine nonché gli sconti praticati sui prezzi normali di vendita che devono comunque essere esposti.

OBBLIGO ESPOSIZIONE CARTELLI INFORMATIVI: le asserzioni pubblicitarie devono essere presentate in modo non ingannevole, esplicitando:

a) l'indicazione del periodo  ed il tipo di vendita (saldi o vendite di fine stagione);

b) gli sconti o i ribassi praticati nonché la qualità e la marca rispetto ai diversi prodotti merceologici posti a saldo. Le merci in saldo, dunque, devono essere indicate in modo inequivocabile per distinguerle da quelle poste in vendita al prezzo ordinario;

c) gli sconti praticati, il prezzo originario ed il prezzo finale per tutti i prodotti posti a saldo fatte salve le vendite giudiziarie; nella vendita o nella pubblicità è vietato l'uso della dizione vendite fallimentari, procedure esecutive, individuali o concorsuali e simili, anche come termine di paragone.

CAMBI: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

PROVA DEI CAPI: non c'è obbligo. E' rimesso alla discrezionalità del negoziante.

PAGAMENTI: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione.

PRODOTTI IN VENDITA: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento