Domenica, 1 Agosto 2021
Economia

Ryanair, si aprono spiragli per la permanenza della compagnia in Abruzzo

Garanzie da parte del Governo all'incontro a Roma. D'Alfonso: "Se gli aeroporti minori cessassero la loro attività verrebbero meno 3 milioni di voli l'anno"

Ryanair potrebbe cambiare idea e decidere di non chiudere la base all’aeroporto d’Abruzzo.

Lo spiraglio si è aperto al termine del vertice di giovedì mattina a Roma, al ministero dei Trasporti, tra il ministro Graziano Delrio, i vertici del vettore low cost - il Ceo Michael O'Leary (foto) e il responsabile commerciale David O'Brien - e i governatori di Abruzzo, Luciano D'Alfonso e Sardegna, Francesco Pigliaru, interessata dallo stesso problema. Il Ministro ha però confermato a Ryanair l’impegno a rivedere l’aumento sulle tasse sui biglietti aerei varato a fine anno, con l’obiettivo di ridurne al minimo gli effetti, e a rivisitare le linee guida relative agli accordi di incentivazione tra linee aeree e aeroporti.

"Sono soddisfatto perché ho visto un atteggiamento di lealtà sia da parte degli operatori economici che da parte del ministero dei Trasporti” ha dichiarato il governatore dell'Abruzzo, Luciano D'Alfonso.  "Noi – ha aggiunto - come regione abbiamo posto tre questioni: la sovrattassa sui biglietti aerei che colpisce i voli low cost; il tema delle linee guida che il ministero si è impegnato a rivedere sollecitamente e infine una revisione della normativa per fare in modo che gli aeroporti minori e quelli insulari possano continuare a funzionare perché se cessassero la loro attività verrebbero meno 3 milioni di voli l'anno che non è  una questione di poco conto, anche per la ricaduta economica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ryanair, si aprono spiragli per la permanenza della compagnia in Abruzzo

ChietiToday è in caricamento