rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia

Rocca Calascio diventa ancora più bella: 20 milioni dal Pnrr per rigenerare il borgo

L’ha spuntata su altri 16 borghi abruzzesi che hanno presentato la candidatura, fra cui Lama dei Peligni, Rapino, Lettopalena e Guardiagrele

Il borgo di Rocca Calascio, con il suo castello più fotografato d'Italia, è il vincitore del bando ‘Attrattività dei Borghi’ aggiudicandosi 20 milioni di euro. L’ha spuntata su altri 16 borghi abruzzesi che hanno presentato la candidatura.

Ad annunciarlo il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio e l’assessore al turismo Daniele D’Amario dopo che la commissione, ieri, ha rimesso i verbali.

“Ora la giunta regionale, dopo aver preso atto delle risultanze istruttorie del nucleo di valutazione appositamente costituito, approverà gli esiti e trasmetterà il tutto al Ministero della cultura per il prosieguo dell’iter burocratico. La proposta formulata, ‘Rocca Calascio Luce d’Abruzzo’, si riferisce al progetto pilota per la rigenerazione culturale, sociale ed economica dei borghi a rischio abbandono e abbandonati – attuazione Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), Turismo e Cultura 4.0 – per la rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale religioso e rurale. Il Pnrr, destina complessivamente 1 miliardo di euro alla rivitalizzazione di questi borghi italiani.

Il finanziamento di 20 milioni di euro si colloca nella prospettiva di una rigenerazione culturale, ma anche economica del borgo che corre il rischio di essere abbandonato o di andare incontro ad un ulteriore decremento della popolazione" spiegano Marsilio e D'Amario.

Il nucleo di valutazione ha scelto il progetto di Rocca Calascio che, partendo dalla cultura, investe tutti gli aspetti più importanti: sociale, economico, infrastrutturale, ambientale, di innovazione con un avanzato livello di progettazione per rispondere alle tempistiche previste dal Pnrr.

"La proposta presentata - aggiungono - getta le basi per la realizzazione di un polo della cultura che vedrà anche una serie di azioni complementari, un albergo diffuso nei palazzi chiusi e semiabbandonati, un’area per il campeggio e la sosta dei cavalli lungo il percorso dell’ippovia, tutti servizi elementari totalmente mancanti. C’è inoltre la necessità di salvaguardare un patrimonio storico e architettonico, unico, un sito di importanza straordinaria, con un’area archeologica danneggiata dagli ultimi terremoti. L’incremento del livello occupazionale sarà garantito dall’apertura delle nuove attività e dalla valorizzazione e ampliamento di quelle presenti. Un paese dove purtroppo si respira lo spopolamento, l’abbandono della montagna dell’Abruzzo interno anche se con un paesaggio mozzafiato in cui da 1460 metri d’altezza si possono ammirare tutti i massici montuosi dell’Appennino”.

Questa la graduatoria dei 17 progetti presentati con il punteggio complessivo attribuito a ciascun Comune: Calascio, 80, Lama dei Peligni 77, Castelli 76, Pacentro 67, Palena 66, Scurcola Marsicana 63, Navelli 61, Farindola 59, Capestrano 58, Anversa degli Abruzzi 56, Rapino 55, Pescina 54, Guardiagrele 54, Caramanico Terme 52, Lettopalena 48, Prata d’Ansidonia 44, Balsorano 41. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rocca Calascio diventa ancora più bella: 20 milioni dal Pnrr per rigenerare il borgo

ChietiToday è in caricamento