menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riqualificazione sismica: incontro in caserma a Chieti per le indagini su 30 immobili pubblici

Proseguono in Abruzzo e Molise le attività per affidare rilievi e indagini necessari a valutare lo stato degli immobili o lo sviluppo di progetti di miglioramento sismico

Proseguono in Abruzzo e Molise le attività avviate con le gare bandite tra il 2019 e il 2020 per affidare ad operatori specializzati lo svolgimento di rilievi e indagini necessari a valutare lo stato degli immobili o lo sviluppo di progetti di miglioramento sismico.  

Questa mattina alla caserma dei carabinieri “Rapino” di Chieti i progettisti e i rappresentanti dell’Agenzia del Demanio, assieme alle forze dell’ordine si sono riuniti per effettuare il sopralluogo tecnico e concordare le modalità operative con cui far condurre le indagini.  

"L'analisi riguarderà diversi immobili in Abruzzo e Molise - fa sapere in una nota il Demanio - e consentirà, al termine dei lavori, di definire un indice di sicurezza sismica dei beni coinvolti e un progetto di fattibilità tecnico-economica, in alcuni casi anche esecutivo, per eventuali adeguamenti necessari. L’Agenzia a dicembre  ha chiuso le stipule dei contratti per le due gare effettuate e ora le ditte che si sono aggiudicate l’appalto dovranno, nell’arco di un anno circa, completare e restituire le analisi e i progetti".

Trentaquattro le sedi di caserme e uffici dello Stato coinvolti, tra cui la stessa "Rapino", in via Colonnetta 134 a Chieti Scalo. Gli operatori dovranno restituire entro il 2021 le verifiche di sicurezza sismica e lo studio di fattibilità.

L’Agenzia del Demanio sta lavorando per pubblicare una nuova gara al fine di verificare lo stato di sicurezza di altri immobili in Abruzzo e Molise.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento