Rilancia Lanciano: 100 mila euro per aiutare le famiglie e il commercio di vicinato

Buoni spesa per le persone in difficoltà a causa del Coronavirus, da spendere solo nei piccoli negozi

Un piano da 100 mila euro per rilanciare Lanciano e contribuire alla ripartenza dei consumi da parte delle famiglie più colpite dalla crisi economica da coronavirus, con particolare riguardo agli esercizi commerciali della città. La misura, messa a punto nel mese scorso con un prelievo dal fondo di riserva straordinario, è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla presenza del sindaco Mario Pupillo, dell'assessora alle Politiche Sociali Dora Bendotti, dell'assessora al Commercio Patrizia Bomba e della dirigente del settore Servizi alla Persona Giovanna Sabbarese.

Gli avvisi sono stati pubblicati questa mattina dall'assessorato alle Politiche Sociali: ci sarà tempo fino al 31 luglio, alle ore 11, per presentare la domanda, sia per l'accreditamento degli esercizi commerciali che per le famiglie che vorranno usufruire del buono.

Per quanto riguarda le famiglie, i requisiti individuati dal bando predisposto e pubblicato sono la residenza nel Comune di Lanciano; il disagio economico derivante dall’interruzione involontaria, sospensione o riduzione dell’attività lavorativa dal 10 marzo 2020 (data di inizio del lockdown) in poi, oppure stato di disoccupazione dal 10 marzo 2020; non essere titolari di rendite da locazione di immobili o finanziarie o altre forme di risparmio, tranne pensione minima sociale; non essere titolari misure di sostegno al reddito (cassa integrazione, Naspi, indennità di mobilità, DIS-Coll, ecc…); non essere beneficiari di reddito o pensione di cittadinanza o di emergenza; Isee familiare ordinario o corrente e conforme in corso di validità non superiore a 15.000 euro; non essere beneficiario di altri contributi erogati dal settore Servizi alla Persona e del bonus Famiglie Regione Abruzzo, con esclusione dei beneficiari dei buoni alimentari Covid19 già erogati. Per ogni nucleo familiare sarà possibile presentare una sola domanda di accesso alla misura di sostegno.

I buoni spesa, che avranno un taglio da 25 euro e andranno da un minimo di 200 euro ad un massimo di 400 a seconda della composizione del nucleo familiare (con una maggiorazione di 50 euro in caso di presenza nella famiglia di un minore o di un diversamente abile in situazione di gravità), dovranno essere spesi negli esercizi commerciali individuati dai beneficiari tra quelli convenzionati col Comune di Lanciano. L’elenco degli esercizi commerciali accreditati sarà pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Lanciano.

I buoni non sono cedibili a terzi, salvo delega scritta a un componente del proprio nucleo familiare ai fini Isee; non sono utilizzabili quale denaro contante e non danno diritto a resto in contanti; non sono commercializzabili né convertibili in denaro; comportano l’obbligo per il fruitore, di regolare in contanti l’eventuale differenza in eccesso tra il valore economico del buono ed il prezzo dei beni acquistati.

Gli acquisti potranno essere utilizzati esclusivamente in esercizi commerciali di vicinato (sono esclusi quindi i centri commerciali) di abbigliamento, scarpe, intimo e mercerie, informatica (solo per acquisto o riparazione di strumenti informatici funzionali alle necessità lavorative e/o di istruzione e/o di formazione di un componente del nucleo familiare, esclusi videogiochi e pacchetti gioco), ottica (ad esclusione degli occhiali da sole), librerie, cartolibrerie, barbieri e parrucchieri (per il solo taglio e piega oppure lavaggio e piega); calzolai; pizzerie al taglio, gastronomia per asporto, piadineria, friggitoria e attività similari solo per asporto; ristoranti, trattorie, pizzeria e attività similari (solo per acquisto di prodotti alimentari da asporto), farmacie e parafarmacie (solo per prodotti specifici per l’infanzia).

Gli interessati potranno presentare domanda compilando il modulo disponibile sul sito istituzionale o in forma cartacea nell’ufficio di Segretariato Sociale di via dei Frentani 27 (orari di apertura lunedì 9-12, martedì 15-18, venerdì 9-12), inviandolo entro venerdì 31 luglio, alle ore 11, esclusivamente tramite mail buonisociali@lanciano.eu con gli allegati richiesti nell'avviso in formato pdf. Analoga scadenza e modalità di invio per gli esercizi commerciali che vorranno accreditarsi per ricevere il buono spesa dalle famiglie beneficiarie: il buono, infatti, potrà essere speso solo negli esercizi commerciali accreditati dal Comune.

Gli esercenti interessati all'accreditamento potranno presentare istanza alla mail buonisociali@lanciano.eu allegando i documenti necessari, anche questi disponibili sul sito istituzionale. L'accreditamento all'albo sarà valido fino al 31 dicembre 2020; maggiori informazioni possono essere richieste ai numeri 0872707637 e 0872707604.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Questa misura trasversale, condivisa con tutte le forze consiliari, sia di maggioranza che di minoranza oltre che con le associazioni di categoria dei commercianti, vuole dare un aiuto concreto alle famiglie e al commercio di vicinato colpiti dalla grave crisi economica generata dalla pandemia da coronavirus. Investiamo questi 100.000 euro della nostra comunità, grazie ad un lavoro di squadra che non ha guardato ai colori degli schieramenti ma al bene collettivo, consapevoli che non saranno sufficienti a dare una risposta esaustiva alle nuove povertà che la pandemia ha purtroppo causato, ma certi che daranno respiro sia alle piccole e medie attività commerciali della città che alle famiglie più bisognose. Sono soldi veri del bilancio comunale che mettiamo in circolo nell'economia cittadina per dare fiducia e sostegno a chi la città la fa vivere ogni giorno, con grande sacrificio e determinazione. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato per questo obiettivo, in particolare al settore Politiche Sociali che ha concretizzato questa misura straordinaria, inedita per un Comune, lavorando senza sosta per dare nel più breve tempo possibile questa possibilità alla città", dichiara il Sindaco Mario Pupillo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Schianto mortale sulla Statale 16: perde la vita una ragazza di 17 anni

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento