menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

L'associazione B&B vince il primo round con la Regione: il Tar sospende la delibera sugli adeguamenti

La categoria aveva sollevato dubbi sul documento approvato dalla Regione e ora le parti si riuniranno il 20 novembre per dicuterne

Il primo round del braccio di ferro tra l'associazione Bed&Breakfast abruzzesi e la Regione è andato alla prima. Ieri, infatti, il tribunale amministrativo ha accettato la richiesta di sospensiva dell'efficacia della delibera di giunta regionale che prevedeva una serie di adempimenti obbligatori per i b&b abruzzesi alla data del 31 ottobre. 

Nel presentare il ricorso, l'associazione aveva invocato un confronto con la Regione e in particolare con l'assessorato al Turismo, lamentando una chiusura alla propria richiesta di discutere di un riordino del settore. Ma l'assessore Mauro Febbo aveva liquidato la richiesta della presidente Lucia Simioni come "ricerca di notorietà"

Ora, però, è arrivata la sospensiva del Tar, che consentirà di approfondire le richieste e i dubbi sollevati dagli operatori del settore sulla delibera di giunta 307 del 2019. Il 20 novembre, le parti si troveranno a discutere il documento. 

Dall'associazione Abruzzobnb, comunque arrivano "volontà e disponibilità per un confronto con le istituzioni regionali preposte, con il fine di ottenere una normativa aggiornata e più rispondente al tipo di servizio familiare offerto dai bed and breakfast abruzzesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento