Economia

Revisioni auto, nel Chietino spesi 20,7 milioni nel 2016

E' la provincia abruzzese che registra la spesa più alta per revisioni e prerevisioni eseguite nell'ultimo anno. I dati dell'Osservatorio Autopromotec

Nel 2016 gli automobilisti abruzzesi hanno speso 68,3 milioni di euro per eseguire le revisioni obbligatorie delle loro auto nelle officine private autorizzate. I dati derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec, su dati Istat e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La cifra comprende il pagamento della tariffa fissata per le revisioni per complessivi 22,2 milioni di euro e il costo delle operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per porre gli autoveicoli in grado di superare i controlli previsti, cioè la spesa per la cosiddetta attività di prerevisione, che ammonta a 46,1 milioni di euro.

Con 20,7 milioni di euro è Chieti la provincia abruzzese che registra la spesa più alta per revisioni e prerevisioni eseguite nel 2016: 100.723 i veicoli sottoposti a revisione nell’ultimo anno. Seguono le province di L’Aquila con 17,2 milioni di euro spesi, Teramo con 16,7 milioni e Pescara che con 13,7 milioni. 

spesa revisioni auto 2016-2

Sempre secondo l’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec, nel 2016 in tutta Italia gli automobilisti hanno speso 2,86 miliardi di euro per far revisionare i loro autoveicoli presso le officine autorizzate. Rispetto al 2015, vi è stato un calo dell’1% della spesa totale per le operazioni di revisione, dovuto essenzialmente alla diminuzione del numero delle vetture chiamate a revisione che ha determinato anche una diminuzione del fatturato delle officine. La spesa sostenuta dagli automobilisti per le operazioni di revisione vere e proprie è calata invece soltanto dell’1,2% perché vi è stato un aumento del costo degli oneri accessori (nello specifico sono aumentati i diritti per la Motorizzazione). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Revisioni auto, nel Chietino spesi 20,7 milioni nel 2016

ChietiToday è in caricamento