menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Restituire le tasse agli abruzzesi, Forza Italia chiede di ripristinare la Legge 32

E' quanto chiede il gruppo consiliare di Forza Italia che illustra i contenuti di un Progetto di Legge per la finalizzazione di risorse e la determinazione delle aliquote addizionali Irpef per l'anno d'importa 2014

Ripristinare il contenuto della Legge n.32 del 2014, approvata dal Governo Chiodi subito dopo la certificazione del pareggio di Bilancio sulla Sanità e che ha permesso di liberare risorse destinate all’abbattimento della tassazione agli abruzzesi con un taglio di 32,5 milioni di euro.

E’ quanto chiede il gruppo consiliare di Forza Italia che ieri nel corso di una conferenza stampa ha illustrato i contenuti di un Progetto di Legge per la finalizzazione di risorse e la determinazione delle aliquote addizionali Irpef per l’anno d’importa 2014 e aliquote imposta regionale sulle attività produttive per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2014. Presenti Lorenzo Sospiri, Mauro Febbo e Paolo Gatti.

Lorenzo Sospiri capogruppo in Consiglio regionale: “La Legge 32 è stata approvata 10 giorni dopo il via libera del Tavolo di Monitoraggio con il Governo centrale che l’ha impugnata per un vizio formale relativo al periodo in cui è stata approvata e non certo perché mancassero le coperture. Il centrosinistra che governa la regione Abruzzo con una subdola sveltina ha tentato di cancellare questo provvedimento ma ha trovato la nostra ferma e decisa opposizione così l’iniziativa è stata ritirata. Tra l’altro, di fronte alle osservazioni del Governo, la Regione ha anche rinunciato a difendersi e questa cosa non si era mai vista prima. Non permetteremo questo modo di governare perché riteniamo che non ci sia nulla di più efficace che lasciare i soldi nelle tasche dei cittadini abruzzesi in un momento così difficile. Siamo aperti a tutte le soluzioni e torniamo ad invitare il Presidente D’Alfonso a firmare il Progetto. Vogliamo riportare la Legge in Aula e approvarla con l’obiettivo di permettere agli abruzzesi di pagare 32 milioni di euro di tasse in meno. Siamo pronti anche a votarla se volesse presentarla il centrosinistra a condizione che venga a spiegarci a cosa e come intende destinare queste risorse. Siamo pienamente disponibili a discutere fermo restando che l’impegno di Forza Italia è impedire che quei soldi siano utilizzati in marchette e viaggetti tipiche espressioni della politica clientelare di centrosinistra”.

“Non ci vengano a raccontare che vogliono utilizzare i fondi per fare fronte ai tagli previsti dalla nuova Legge di stabilità appena varata - tuona Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza del Consiglio regionale - ma che ancora nessuno conosce: i tagli alle Regioni riguardano il 2015 e non certo il 2014. Inoltre il prossimo anno grazie al lavoro svolto dal Governo Chiodi si libereranno risorse reali pari a oltre 65 milioni di euro da destinare agli investimenti mentre saranno oltre 110 milioni nel 2016. Non c’è alcuna necessità di aumentare le tasse agli abruzzesi semmai riteniamo sarebbe opportuno restituirle”.

“Il luogo migliore per quei 32,5 milioni di euro - chiude Paolo Gatti, Vice Presidente del Consiglio regionale - sono le tasche di cittadini e imprese”.     

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento