Economia

Continua la protesta nel carcere di Lanciano, l'Uilpa chiede l'intervento del prefetto

La richiesta è di chiudere almeno 3 sezioni o, in alternativa, inviare in pianta stabile almeno 20 unità

Casi Covid e carenza di organico tengono ancora banco in carcere a Lanciano e i sindacati annunciano la prosecuzione della protesta da parte della polizia penitenziaria “vista la mancanza di risposte” e chiedono l’intervento del prefetto.

Il cartello composto da Sappe, Osapp, Uilpa Pp, Uspp, Fns Cisl e Fp Cgi  chiede di chiudere almeno 3 sezioni o, in alternativa, inviare in pianta stabile almeno 20 unità.

“Nonostante le ripetute segnalazioni e l’oggettiva difficoltà gestionale della casa circondariale di Lanciano, che al momento è rimasta anche senza un direttore in pianta stabile, – dice il segretario regionale Uilpa PP. Ruggero Di Giovanni – il provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria ha deciso di riattivare a pieno regime un’altra sezione del carcere, questo mentre è ancora attivo nell’istituto il focolaio Covid. Per di più i detenuti che hanno già riempito quella sezione sono gli arrestati dalla regione Lazio che dovranno essere sottoposti ad un periodo di quarantena precauzionale e quindi con un rischio alto di essere portatori inconsapevoli del Covid-19”.

Sabato scorso con una nota i sindacati hanno anche chiesto, congiuntamente, l’intervento del prefetto della provincia di Chieti,  Armando Forgione, “affinché possa accertare la criticità in atto e nella speranza che possa farsi portavoce delle problematiche sollevate dai sindacati della polizia penitenziaria di Lanciano”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continua la protesta nel carcere di Lanciano, l'Uilpa chiede l'intervento del prefetto

ChietiToday è in caricamento