menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un giardino per i bimbi mai nati e sepolture per tutte le religioni: ecco come sarà il nuovo cimitero di Chieti Scalo

Si chiama Parco della memoria perché, negli obiettivi dei progettisti, è di realizzare un vero e proprio parco, con giardini, alberi, impianti fotovoltaici e impatto ambientale minimo

Sarà pronto entro la fine del 2019 il nuovo cimitero di Chieti Scalo: i lavori, a Santa Filomena, inizieranno nella seconda decade di giugno. Ma già da ora, entro il 4 luglio, si può presentare domanda per prenotare un loculo o una cappella. Il progetto è stato presentato questa mattina alla stampa dall’amministratore delegato della società di progetto Parco della Memoria, Gerardo Alfano, con gli assessori Mario Colantonio e Raffaele Di Felice. 

L’Ati (Associazione temporanea di imprese) Parco della memoria, nata esclusivamente per la realizzazione e la gestione del nuovo cimitero cittadino, ha aperto uno sportello a servizio dei cittadini in via de’ Virgiliis 6, allo Scalo, a cui rivolgersi per avere chiarimenti sul bando, disponibile da qualche giorno sull’albo pretorio del Comune, per l’acquisizione dei posti. 

Il progetto

Il cimitero sorgerà su un’area di 53mila metri quadrati, di cui 31mila 200 occuperanno effettivamente l’area cimiteriale, i restanti serviranno a opere di viabilità esterne, i 100 parcheggi coperti con pannelli fotovoltaici e altre pertinenze. In particolare, verrà allargata la sede stradale tra via Ombrosa e via Liri. I lavori prevedono un investimento totale di 19 milioni 446mila euro, a totale carico dell’Ati Parco della memoria. 

Il Parco della memoria ospiterà 13.321 manufatti cimiteriali, tra cui 8.552 tumulazioni frontali e laterali, 3.256 ossari per resti, 224 cellette per urne cinerarie 387 suoli per cappelle gentilizie di varie tipologie, 900 fosse in campi d’inumazione. In totale sono previste 16.602 sepolture, di cui 10.628 in tumulazioni, 224 in cellette urne cinerarie, 4.848 in ossari per reti, 902 in fosse in campi d’inumazione.

Il progetto prevede la realizzazione di un vero e proprio parco, con un’estetica arborea e monumentale, lapidi realizzate in maniera uniforme, giardini pensili sopra le tombe. Inoltre, verrà realizzata una chiesa a servizio della contrada Santa Filomena, che a parte la piccola chiesa di Madonna della Vittoria non ne ha una con spazi adeguati. Il progetto prevede anche il “Giardino degli angeli mai nati”, quello per le ceneri, uno spazio per la sepoltura dei professanti di altre religioni.

Inoltre, sul piano ambientale, l’obiettivo è di risultare il meno impattante possibile, con un impianto fotovoltaico, l’illuminazione con lampade a led e l’impianto di compostaggio. 

IMG_1354-2

Il bando

Le domande per richiedere l’acquisizione di uno spazio possono essere presentate fino alle ore 12.30 del 4 luglio. Dopodiché, verrà stilata una graduatoria, secondo criteri già stabiliti dall’amministrazione. La priorità verrà data a coloro che hanno già presentato al Comune una domanda per un posto. Stando ai dati diffusi dall’ente, c’è infatti una lista d’attesa di circa 2mila nominativi. Precedenza anche a chi ha la residenza a Chieti, ai più anziani e, nel caso di non residenti, a coloro che abbiano vissuto in città per almeno sette anni, o abbiano un parente che ci vive. 

Le concessioni saranno affidate per 30 anni, rinnovabili per altri 30 una sola volta, con la facoltà di richiedere, nel caso di cessione ante mortem, un ulteriore rinnovo per 15 anni. I loculi prevedono una concessione di 40 anni rinnovabili per altri 40 anni. I lotti per le cappelle gentilizie hanno una concessione di 99 anni, rinnovabili per eguale durata. 

I costi

Queste le tariffe per le concessioni d’uso dei manufatti cimiteriali.

Schermata 2018-04-23 alle 15.27.46-2

Si pagherà il 10% al momento di presentazione della domanda, per poi versare un acconto del 30% del prezzo tra luglio e agosto. Entro i 18 mesi successivi, andrà saltato il; 60%, mentre il 10% del prezzo, quale saldo, sarà pagato prima della stipula del contratto di concessione.

IMG_1380-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento