menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Progetto per il rilancio del centro storico tra Confartigianato e Camera di Commercio

Confartigianato ha incontrato il neo Presidente della Camera di Commercio Roberto Di Vincenzo. Stilato un cronoprogramma di interventi per restituire slancio al capoluogo teatino ed al tessuto imprenditoriale della provincia.

Un progetto condiviso per il rilancio del centro storico della città attraverso incentivi per l’apertura di nuovi locali commerciali, un approfondimento del progetto della Costa dei Trabocchi, ad oggi avvolto ancora nel mistero, e la rivisitazione del progetto dell’Automotive della Val di Sangro per renderlo più funzionale alle esigenze delle imprese del territorio. Sono alcuni dei punti chiave di cui si è parlato nella sede teatina di Confartigianato, che ha ricevuto il neo presidente della Camera di commercio di Chieti, Roberto Di Vincenzo, alla prima uscita ufficiale

A fare gli onori di casa Francesco Angelozzi, presidente Provinciale Confartigianato Imprese Chieti e Daniele Giangiulli, direttore provinciale e regionale dell’associazione degli artigiani. Stilato un cronoprogramma di interventi per restituire slancio al capoluogo teatino ed al tessuto imprenditoriale della provincia.

Di Vincenzo ha garantito impegno sulle tre iniziative richieste con urgenza dalla Confartigianato. “Vogliamo capire bene lo stato d’arte del progetto della Costa dei Trabocchi che porterà restrizioni -spiega Angelozzi- per le numerose attività economiche che insistono nella zona. Purtroppo nessuno, ad oggi, ci ha saputo illustrare gli estremi di questo ambizioso progetto, qualificante per l’intera provincia di Chieti e non solo. Inoltre chiediamo al neo presidente della Camera di commercio, al quale auguriamo un buon lavoro, di ripensare il progetto dell’Automotive calibrandolo alle aspettative delle imprese di settore del comprensorio”.

Ma lo sforzo più grande richiesto al presidente Di Vincenzo riguarda il futuro del capoluogo teatino e, in particolare, del suo centro storico, ormai svuotato di servizi e di attività qualificati. “Confartigianato in questi anni -afferma Giangiulli - ha fatto tanto sostituendosi spesso e volentieri alle istituzioni. Ora è arrivato il momento di dar vita ad un progetto sinergico che punti senza mezzi termini a restituire vigore al centro storico di Chieti. Con il presidente Di Vincenzo abbiamo pensato, ad esempio, di offrire incentivi economici per coloro che vorranno aprire un locale commerciale nel cuore urbano della città. Ci fa piacere che il neo presidente della Camera di commercio ha mostrato grande apertura nei nostri confronti confermando di essere partito con il piede e lo spirito giusto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento