menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il presidente Anci Abruzzo, Gianguido D'Alberto sul Dpcm: "Sui cinema e i teatri non sono d'accordo"

Il sindaco di Teramo ha parlato a nome dell'associazione dei Comuni abruzzesi

Sulle misure contenuto nell'ultimo Dpcm firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte è intervenuto il presidente Anci Abruzzo e sindaco di Teramo, Gianguido D'Alberto. Avere misure uniformi su tutto il territorio sia fondamentale perché solo il Governo può contestualmente prevedere correttivi economici. Ma sui cinema e i teatri non sono d'accordo, in quanto in questi mesi hanno dimostrato che si può fare cultura nel rispetto dei protocolli di sicurezza".

Secondo D'Alberto, infatti, la linea del governo "era di muoversi in un'ottica di proporzionalità e adeguatezza, ma in questo caso siamo fuori assolutamente. E su altre questioni dubbi permangono. Non so, ad esempio, se la chiusura alle 18 di bar e ristoranti sia risolutiva e per quanto riguarda le palestre, la settimana scorsa si era detto che avrebbero avuto una settimana per adeguarsi. Mi auguro che prima di chiuderle abbiano fatto i dovuti controlli, altrimenti era solo un preannuncio di chiusura. Vorrei capire quali sono state le verifiche epidemiologiche alla base di questa decisione".

D'Alberto interviene poi sugli annunciati ristori per le attività per le quali sono state disposte limitazioni e chiusure. "L'efficacia di questo decreto nel tutelare la salute e al contempo salvaguardare l'economia sta nella tempestività e nell'adeguatezza delle misure economiche che saranno stanziate. Se questo decreto dovesse non funzionare -conclude D'Alberto - le prospettive sono di un danno economico enorme".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento