Economia

"Premio Maja Donna d'Abruzzo": le Acli teatine lo assegnano ad Angela Di Crescenzo e Barbara Morgante

Prima edizione del premio dedicato alle donne di successo. La cerimonia sabato 1° aprile alla Camera di Commercio, in piazza Vico

Due donne abruzzesi di successo riceveranno il “Premio Maja – Donna d’Abruzzo 2017”, il riconoscimento istituito dalle Acli Provinciali di Chieti, sabato prossimo alle 10,30 nella sala Cascella della Camera di Commercio in piazza G. B. Vico. Si tratta della chef Angela Di Crescenzo, contitolare del ristorante “Villa Majella” di Guardiagrele e della manager Barbara Morgante, amministratore delegato di Trenitalia. 

Il Premio “Maja - Donna d’Abruzzo”, alla sua prima edizione, è riservato alle donne abruzzesi che si sono distinte nei seguenti settori: professione, impresa, lavoro, famiglia, volontariato, arte, sport e attività sociali.

Nel corso della cerimonia di sabato verranno consegnati anche i premi speciali “Coltiva il talento”, assegnati a Maria La Penna autrice del bozzetto del Premio, una studentessa della 4^A del liceo Artistico “Nicola da Guardiagrele” di Chieti e all’Istituto Superiore “Umberto Pomilio” di Chieti, guidato dalla dirigente Anna Maria Giusti, i cui allievi hanno disegnato e realizzato gli abiti che saranno indossati da alcune studentesse nel corso della mattinata. La manifestazione sarà aperta dal saluto del presidente provinciale delle Acli Mimmo D’Alessio e dalla prolusione della dottoressa Paola Vacchina, presidente nazionale ENAIP, sul tema “Non solo bambole”. A margine della manifestazione saranno esposte alcune bambole provenienti da diverse collezioni.    

“Le Acli – spiega il presidente D’Alessio, - hanno pensato di celebrare la Giornata mondiale della donna con due Premi: il “Premio Maja – Donna d’Abruzzo”che è un riconoscimento alle donne che hanno successo perché hanno già dimostrato e continuano a dimostrare sul campo capacità e impegno e il  Premio “Coltiva il talento”, un attestato alla qualità che si va esprimendo, un incoraggiamento a curare con passione il talento che le donne hanno e sanno dimostrare nei vari settori del loro impegno. Ooltre agli interventi sul piano culturale e sociale caratteristici delle Acli, ci è sembrato questo il modo giusto per festeggiare degnamente le donne, in particolare quelle a noi più vicine, cioè le abruzzesi”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Premio Maja Donna d'Abruzzo": le Acli teatine lo assegnano ad Angela Di Crescenzo e Barbara Morgante

ChietiToday è in caricamento