Poste chiude 19 uffici in Abruzzo, 4 in provincia di Chieti

Trentacinque invece gli uffici interessati alla razionalizzazione, di cui 19 in provincia di Chieti. La Cisl: "Con questa iniziativa Poste dice addio ad una importante fetta di territorio"

Poste Italiane sta per chiudere 19 uffici in Abruzzo e procedere alla razionalizzazione di altri 35.  Il piano, che riguarda tutto il territorio nazionale (400 uffici da chiudere e 600 da razionalizzare), è stato presentato nei giorni scorsi alle organizzazioni sindacali non senza polemiche, come segnala la Slp-Cisl.

CHIUSURE- Quattro gli uffici in provincia di Chieti interessati dalla chiusura: San Giacomo di Scerni, Guastameroli, Altino e Chieti 5 in piazza Venturi. In provincia dell’Aquila chiuderanno Aragno, Assergi,  Cese, Torrone di Sulmona, Civita di Oricola. Provincia Pescara: Piccianello, Roccafinadamo; in provincia Teramo: Cologna, Faraone, Montepagano, Mutignano, Poggio Morello, Rocche di Civitella, Treciminiere.
 

RAZIONALIZZAZIONI - Gli uffici interessati alla razionalizzazione in  provincia di Chieti sono 19: Ari, Carunchio, Celenza sul Trigno, Civitella Messer Raimondo, Lentella, Liscia, Montenerodono, Pennapedimonte, San Martino sulla Marrucina, Torrebruna, Palmoli, Pretoro, Schiavi d’Abruzzo, Carpineto Sinello, Roccaspinalveti, Bomba, Perano, Colledimezzo, Pietraferrazzana. In provincia dell’Aquila: Bugnara, Campotosto, Castel di Ieri, Però dei Santi, Ortona dei Marsi, Prata d’Ansidonia, Villavallelonga, Civitella Alfedena,Sant’Eusanio Forconese;  in provincia di Pescara: Carpineto della Nora, Ripacorbaria, Caprara d’Abruzzo, Musellaro, Corvara; di Teramo: Pagliaroli, Silvi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

COLPITE LE FASCE PIU’ DEBOLI- “La chiamano razionalizzazione, ma è un altro importante taglio ai servizi sociali, quella che Poste Italiane, relativamente all’anno 2014, sta mettendo in atto in questi giorni” sottolinea il segretario  Slp-Cisl Abruzzo-Molise Ezio Fosca. “Poco importa a Poste se nei mesi scorsi si è già provveduto a un drastico ridimensionamento degli uffici- aggiunge - anche in questo caso  si andranno a colpire le fasce più deboli della realtà abruzzese, in particolare gli anziani che non avendo più un punto di riferimento nell’ufficio postale nel proprio centro si vedranno costretti a spostarsi presso altri comuni”.  Sull’argomento la Cisl ha interessato anche il presidente regionale dell’Anci, La Penna, che sta attivando ogni iniziativa per sensibilizzare sull’argomento i politici provinciali, regionali e nazionali. Nei prossimi giorni l’Azienda invierà una comunicazione ai sindaci dei comuni interessati per comunicare i dettagli delle chiusure/razionalizzazioni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

  • Coronavirus: ci sono altri 39 positivi, la maggior parte sono migranti ospitati in Abruzzo

  • Applausi per Salvini, che scherza: "Ma qui si elegge il presidente della Repubblica?". Polemiche per gli assembramenti

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Coronavirus: dopo i casi dei migranti di Gissi salgono a 19 i positivi in Abruzzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento