menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pilkington: firmato il decreto per la cigs di oltre 1600 lavoratori, scongiurati i licenziamenti

Il provvedimento del Governo prevede la concessione del trattamento straordinario di integrazione salariale per i dipendenti delle sedi di San Salvo e Settimo Torinese

Scongiurato il pericolo esuberi alla Pilkington di San Salvo. Ieri al Ministero del lavoro e delle politiche sociali è stata prorogata la cassa integrazione per i 1648 lavoratori dei due stabilimenti di San Salvo e Settimo Torinese. L’azienda, si legge, “ha presentato un piano di riorganizzazione aziendale che consente la proroga degli ammortizzatori sociali”. 

“Con il decreto firmato oggi dal Direttore Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione questo governo si dimostra essere ancora una volta al fianco dei lavoratori quando le aziende affrontano un periodo di crisi” commenta deputata vastese del M5S Carmela Grippa ricordando le battaglie fatte sul territorio per i diritti dei lavoratori. "Sono soddisfatta del decreto - aggiunge -  perché 1392 dipendenti della sede dello stabilimento di San Salvo e 251 e le loro famiglie non resteranno a reddito zero ma potranno beneficiare del contributo fino al settembre del 2019. In questi dodici mesi i lavoratori continueranno a percepire uno stipendio pari all’80 per cento della loro retribuzione. Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio dal primo giorno al ministero sta risolvendo numerose vertenze di aziende che a causa della crisi si sono viste costrette a licenziare i dipendenti e ad interrompere le linee di produzione. Noi stiamo salvando posti di lavoro mentre il governo precedente pensava a salvare le banche” conclude la deputata del movimento cinque stelle.

Soddisfaztto anche il Senatore Gianluca Castaldi: “Un’altra cosa fatta da questo governo, per un altro anno i lavoratori continueranno a percepire lo stipendio mentre l’azienda cerca di ignorare la crisi e conquista gli ordinativi della Ferrari e della holding del gruppo Fca di cui fa parte la Maserati”.

“Finalmente - affermano i portavoce regionali Sara Marcozzi e Pietro Smargiassi - si risolve un problema che ischiava di mettere in ginocchio un’area che su poche aziende fonda la sua economia e la sua ricchezza. La Pilkington non è solo un’azienda da salvare ma un patrimonio da tutelare”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento