menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pantalonificio di Gissi: la Canali conferma la volontà di non continuare la produzione

Nell’ultimo incontro, di pochi giorni fa, l’azienda ha lanciato un ultimatum per i restanti 57 dipendenti: o accettano entro il 17 giugno la somma offerta dall’azienda, o continuano la difficile trattativa

Si assottigliano le speranze di sopravvivenza per il pantalonificio della Canali, a Gissi. Al momento 39 lavoratori hanno scelto di uscire dalla vertenza con un bonus di 10mila euro, rinunciando dunque a qualunque altro tipo di legame con l’azienda. Ma altri 57 continuano a combattere per salvaguardare il proprio posto di lavoro e per salvare dalla desertificazione una zona florida e produttiva fino a pochi anni fa. 

Nell’ultimo incontro, di pochi giorni fa, l’azienda ha lanciato un ultimatum per i restanti 57 dipendenti: o accettano entro il 17 giugno la somma offerta dall’azienda, o continuano la difficile trattativa

Ma la vertenza è difficilissima, anche considerando il fatto che l’accordo proposto ai primi 37 lavoratori che si sono accontentati della buonuscita, prevedeva che i soldi arrivassero solo quando i sindacati avrebbero firmato quello sulla cessazione delle attività. 

Il 20 giugno è previsto un nuovo incontro, in cui sindacati e Regione sperano nell’ipotesi della riconversione industriale per non trasformare la Val Sinello nello spettro dell’area vivace che era.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento