menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pubblicati i protocolli di sicurezza per la ripresa delle attività: ecco come si andrà in spiaggia e in albergo

Il documento firmato dal presidente Marsilio si è reso necessario per uniformare le linee guida e i protocolli allegati all'ordinanza 59 a quanto previsto dal decreto del presidente del Consiglio del 17 maggio

Il presidente della Regione Marco Marsilio ha firmato oggi l'ordinanza numero 62, con i protocolli di sicurezza per la ripresa delle attività produttive. 

Il documento si è reso necessario per uniformare le linee guida e i protocolli allegati all'ordinanza 59 a quanto previsto dal decreto del presidente del Consiglio del 17 maggio e al parere del competente dipartimento della Salute, anche tramite il confronto e la valutazione del gruppo tecnico-scientifico regionale, per certificare la compatibilità della situazione epidemiologica regionale con le attività oggetto di autorizzazione.

L'ordinanza, in particolare, contiene i protocolli di sicurezza per

  • attività di ristorazione e bar
  • attività di produzione, commercializzaizone e somministrazione di alimenti
  • attività ricreative di balneazione e in spiaggia
  • attività ricettive alberghiere ed extralberghiere
  • strutture ricettive all'aria aperta, campeggi e villaggi turistici
  • rifugi
  • agriturismi
  • autoscuole, centri di istruzione, automobilistica, suole nautiche e studi di consulenza automobilistica
  • attività commerciali su aree pubbliche (mercati, fiere, posteggi isolati, commercio itinerante)
  • attività commerciali in sede fissa
  • acconciatore, estetista e tatuatore/piercer
  • sanificazione degli impianti aeraulici per la climatizzazione degli ambienti 
  • attività all'aria aperta, pesca amatoriale, allenamento e addestramento di cani e cavalli, svolgimetno in forma amatoriale di attività forestali
  • attività di raccolta di funghi, tartufi ed erbe e frutti spontanei, nonché di caccia
  • trasporti e logistica
  • attività sportive e motorie

Restano sospese le attività di centri benessere, centri termali (escluse le prestazioni che rientrano nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali e centri sociali, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, sale ballo anche per corsi, discoteche, parchi divertimento e assimilati.

Sono consentite le professioni della montagna, anche per assicurare il soccorso e la sicurezza, e il soccorso speleologico, compreso lo svolgimento delle relative attività formative all’aria aperta, finalizzate all’abilitazione dell’esercizio della professione e all’aggiornamento professionale. 

Protocolli di Sicurezza #Abruzzosicura

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento