menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'artigianato abruzzese protagonista a Matera capitale europea della cultura

Per una settimana, il pubblico internazionale della città dei Sassi potrà visitare una mostra sulle più belle creazioni, corredata da laboratori realizzati da maestri specialisti in otto diverse discipline

L'artigianato artistico abruzzese è protagonista a Matera, la Capitale europea della cultura, che da sabato 26 a domenica 3 novembre ospita l'evento “L’Abruzzo svela la sua bellezza - Le eccellenze dell’artigianato artistico”. Per una settimana, il pubblico internazionale della città dei Sassi potrà visitare una mostra sulle più belle creazioni dell’artigianato regionale, corredata da laboratori realizzati da maestri specialisti in otto diverse discipline: insomma, un biglietto da visita del nostro territorio scritto da mani che parlano.

La settimana materana è stata promossa da una sinergia tra Cna Abruzzo, Cna Artistico e tradizionale e Regione Abruzzo. All'inaugurazione della mostra parteciperà anche l'assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Mauro Febbo, con l’assessore alla Cultura del Comune di Matera, Giampaolo D’Andrea.

La manifestazione, ospitata nello spazio che Cna Nazionale ha messo a disposizione delle eccellenze territoriali italiane nella centralissima piazza Duomo, si svolge all’interno dell’evento-Mostra “Popoli e Terre della Lana”, patrocinato dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, e in collaborazione con la Camera di Commercio di Chieti-Pescara, abruzzoavventure.it e l’Ente Mostra dell’artigianato artistico abruzzese di Guardiagrele. Si potrà visitare dalle ore 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 19; l'ingresso è gratuito.

L'ente guardiese, protagonista della mostra che ogni anno in estate anima il centro alle pendici della Maiella, organizzerà una vetrina dedicata alle eccellenze della tradizione artigianale regionale: un percorso dedicato a otto diverse specializzazioni - ceramica, ferro battuto, legno, oreficeria, pietra, tessitura e tombolo, vetro - che nel tempo hanno dato forma a prodotti straordinari (dagli strumenti musicali ai gioielli, dagli oggetti ai tessuti) e promosso luoghi diventati simbolo di questa tradizione nel mondo: Castelli, Pretoro, Scanno, Pescocostanzo, Canzano, Bucchianico, la stessa Guardiagrele.

Contemporaneamente alla mostra, sabato 26 ottobre, davanti alle telecamere di Rai Uno, alcuni maestri artigiani abruzzesi, in collaborazione con i loro colleghi di Matera, proporranno dal vivo un suggestivo gemellaggio frutto delle proprie straordinarie capacità di lavorazione dei prodotti, improvvisando un laboratorio en plain air, ed utilizzando una miscela di tradizione e tecniche innovative: si tratta di Valeria Belli (Chieti, tessitura), Luigina Daniele (Roseto, Scuola di tombolo dell’Ente Mostra), Lorenzo Liberati (Villamagna, ceramica), Mattia Aceto (Turrivalignani, pietra della Maiella), Francesco Carullo (Orsogna, legno), Nicola Latorre (Matera, ferro battuto), Massimo Casiello (Matera, tornitura del legno), Luca Ferrari (Guardigrele, oreficeria), Maria Antonietta Capotosto (Guardiagrele, Associazione ”Le arti Antiche Ricamo”).

Una vetrina, la kermesse di Matera, che sarà allargata ad altre eccellenze produttive regionali: su tutte, il vino, con una presenza di viticoltori d’Abruzzo che realizzerà con una serie di degustazioni un connubio fecondo e positivo con  i prodotti dell’artigianato artistico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento