rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Economia Ortona

Nessuno vuole il Molino Alimonti: la prima asta deserta

Oltre cento dipendenti attualmente sono in cassa integrazione straordinaria. La produzione è ferma da settembre 2012 ed è stato ammesso al concordato liquidatorio

A vuoto il primo tentativo di vendita o di affitto del Molino Alimonti. Ieri nello studio del notaio Giovanni Maria Plasmati a Chieti non è arrivata alcuna offerta e grande è stata la delusione  di lavoratori e rappresentanti sindacali che si aspettavano offerte almeno per l'affitto.

Molino Alimonti, che ha sedi a Roma, Ortona e Guardiagrele, al momento ha oltre cento dipendenti in cassa integrazione straordinaria. La produzione è ferma da settembre 2012 ed è stato ammesso al concordato liquidatorio.

Il prezzo di vendita dei tre complessi è di circa 111 milioni di euro e i tre complessi sono acquisibili anche singolarmente. Per l'affitto triennale il cui canone complessivo è stato fissato a 2 milioni e 494.000 euro. Nelle prossime settimane dovrebbero tenersi ulteriori esperimenti di vendita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuno vuole il Molino Alimonti: la prima asta deserta

ChietiToday è in caricamento